image_pdfimage_print

Al termine dell’incontro di oggi abbiamo chiesto all’Azienda alcuni aggiornamenti per i colleghi ex Banche Venete in merito a:

SPESE PER TUTELA LEGALE:

insinuazione al passivo LCA entro il 23 aprile 2018

L’Azienda ha dato disponibilità ad accogliere la nostra richiesta di intervento economico per coprire le spese legali sostenute dai colleghi a fronte di procedimenti giudiziari per fatti accaduti prima del 26 giugno 2017 nello svolgimento dell’attività lavorativa, come previsto dall’Art. 42 del CCNL.

L’Azienda, ribadendo che questi oneri sono di competenza della LCA, si è impegnata, a fronte della richiesta dei singoli dipendenti interessati, ad anticipare l’importo delle spese con l’impegno del collega a restituire la somma al momento dell’eventuale liquidazione da parte di LCA.

È in corso di definizione il testo della domanda da inoltrare per ottenere l’intervento economico da parte dell’Azienda, che prevede comunque:

  • di aver avuto sentenza di assoluzione/provvedimento di archiviazione;
  • di aver inoltrato richiesta di rimborso al datore di lavoro e di insinuazione al passivo in LCA. 

A tal fine invitiamo tutti i colleghi interessati a provvedere all’insinuazione al passivo entro il termine del 23 aprile 2018, allegando la relativa fattura o riservandosi di indicare l’importo in un momento successivo, con PEC a venetobancaspa.inliquidazioneca@cert.venetobanca.it o lcabancapopolaredivicenza@pecliquidazioni.it

Abbiamo richiesto che tale intervento economico sia riconosciuto anche al personale in esodo.

Ricordiamo anche che i dipendenti azionisti possono insinuarsi al passivo entro il 23 aprile 2018, avvalendosi del supporto dell’Associazione Federconsumatori presente nelle sedi CGIL.

INDENNITA’ PENDOLARISMO/DISAGIATA DESTINAZIONE

L’Azienda ha completato l’analisi delle posizioni in sospeso:

  • 478 colleghi riceveranno nel cedolino di aprile le indennità spettanti per i mesi di gennaio/febbraio/marzo (ricordiamo che le indennità vengono erogate il mese successivo a quello di competenza);
  • 29 colleghi riceveranno la liquidazione delle mensilità intercorse da gennaio alla data di trasferimento intervenuto successivamente;
  • 178 posizioni non saranno più liquidate per il venir meno dei presupposti normativi per il mantenimento dell’indennità. Abbiamo chiesto all’Azienda che venga data comunicazione ai colleghi interessati tramite la gestione del personale competente. 

 

PROVVIDENZE PER FIGLI CON DISABILITÀ EX POPVI:

richiesta entro il 30 aprile 2018

Abbiamo chiesto chiarimenti in merito alla mancata liquidazione di alcune richieste di provvidenze.

L’Azienda ha comunicato che la provvidenza per figli con disabilità ex POPVI in pagamento è quella relativa all’anno 2017 e, quindi, viene erogata nel cedolino di aprile solo a coloro che non l’avevano percepita a gennaio 2017.

Diversamente da quanto in precedenza comunicato per il 2018 è stato chiarito che sarà applicata la normativa vigente nel Gruppo.

Pertanto, anche i colleghi ex POPVI con coniuge/convivente e figli portatori di handicap grave devono fare richiesta entro il 30 aprile 2018 tramite apposita procedura online su Intranet in Persona – Gestione – Intesap – Employee Self Service – Sportello Dipendente – Richieste provvidenze economiche per handicap grave.

PATTI DI NON CONCORRENZA

L’Azienda ha comunicato l’esito dell’analisi delle 502 posizioni che erano presenti nelle ex Banche Venete. L’Azienda ha ritenuto di confermare solo un limitatissimo numero di patti di non concorrenza, mentre tutte le altre posizioni sono state ritenute non omogenee alle modalità utilizzate nel Gruppo e, pertanto, superate.

Siamo a disposizione per valutare con i nostri legali sul territorio eventuali cause individuali.

Milano, 13 aprile 2018

La Segreteria di Gruppo

 

VOLANTINO IN FORMATO PDF

 

X