image_pdfimage_print

Vi comunichiamo le informazioni che abbiamo avuto in relazione alla prosecuzione del confronto del 9 aprile sull’integrazione di UBI in ISP.

Durante l’incontro l’azienda ha rassegnato le proprie posizioni, che presentano ancora distanze rispetto alle richieste avanzate.

Nel corso della riunione l’azienda ha inoltre comunicato l’intenzione di voler procedere comunque alla sospensione della timbratura per la rilevazione delle presenze, come decisione unicamente aziendale in quanto il tema è stato escluso da quelli che faranno parte di un eventuale accordo di armonizzazione.

L’azienda ha sostenuto che il nuovo processo avrà decorrenza per tutto il Gruppo già dal 12 aprile e che nei giorni immediatamente successivi verranno emanate le regole operative.

La FISAC CGIL ha ribadito le sue forti riserve in materia. Nei prossimi giorni verrà comunque affrontata la materia con la richiesta all’azienda di definire chiaramente le norme di raccordo con le previsioni del CCNL in materia di prestazioni eccedenti l’orario di lavoro, per garantirne il riconoscimento.

Nelle more di questi doverosi chiarimenti, anche in considerazione dei gravosi impegni che i colleghi dovranno affrontare nei prossimi giorni di migrazione, invitiamo tutti i colleghi a prendere scrupolosamente nota degli impegni lavorativi eccedenti il normale orario di lavoro.

La trattativa riprenderà nella mattinata di lunedì 12.

.

.

X