image_pdfimage_print

Qui di seguito un estratto delle principali novità inserite nella busta paga di marzo. Nel ricordarvi che per tutte le questioni relative alla busta paga potete consultare la nostra Guida alla BUSTA PAGA, vi precisiamo anche che in coda alle varie voci trovate il rimando alla nostre guide specifiche, e comunque i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti) sono a vostra disposizione per ogni chiarimento. 

 

 

Aree Professionali e Quadri Direttivi con CCNL Credito

 

1. Esonero contributivo per le lavoratrici madri

Come previsto dalla Legge di Bilancio 2024 nel cedolino di marzo 2024 si è provveduto ad applicare l’esonero della quota dei contributi previdenziali dovuta dalle lavoratrici madri con contratto a tempo indeterminato, con almeno due figli il cui minore ha meno di 10 anni (9 anni e 364 giorni), o con almeno tre figli il cui minore ha meno di 18 anni (17 anni e 364 giorni).

L’agevolazione viene riconosciuta fino ad un massimo di € 3.000 all’anno (€ 250 mensili) ed è limitata al 2024, per le madri con almeno due figli, e al periodo 2024-2026, per le madri con almeno tre figli.

Il diritto decorre dal 1° gennaio 2024 o, se successiva, dalla nascita del secondo figlio per il solo anno 2024 o dalla nascita del terzo figlio per gli anni 2024, 2025 e 2026. Il diritto cessa il mese successivo al compimento dei 10 o 18 anni del figlio più piccolo. La riduzione contributiva trova applicazione anche in favore delle lavoratrici che, nell’ambito del proprio nucleo familiare, abbiano bambini in adozione o in affidamento.

L’applicazione di tale agevolazione è alternativa e di maggior favore rispetto alla riduzione contributiva del 6% o 7%, prevista dalla Legge di Bilancio 2024 per le retribuzioni mensili che non superino rispettivamente € 2.692 o € 1.923 nel corso dell’anno 2024.

In cedolino:

  • voce 7S20 Contr.Madri 2 figli: importo accreditato contributi previdenziali;
  • voce 7S30 Contr.Madri 3 figli: importo accreditato contributi previdenziali;
  • voce 7S2C CPDEL Madri 2 figli: importo accreditato contributi previdenziali;
  • voce 7S3C CPDEL Madri 3 figli: importo accreditato contributi previdenziali.

Gli eventuali arretrati per i mesi di gennaio/febbraio 2024 saranno erogati entro la mensilità di maggio.

Vi ricordiamo che per approfondire le questioni relative alla Maternità e alla Paternità potete consultare la nostra Guida MATERNITA’, PATERNITA’, ADOZIONE e AFFIDAMENTO.

2. Autocertificazione innalzamento soglia Fringe Benefit 2.000 euro

In virtù delle previsioni dell’art. 1 commi 16-17 della Legge 213/2023 per l’anno 2024 i fringe benefits non concorrono a formare reddito entro il limite complessivo di € 1.000 (Rif. news del 1/3/2024).

Il già menzionato limite è aumentato ad € 2.000 per i lavoratori dipendenti con figli, compresi i figli nati fuori dal matrimonio riconosciuti, adottivi o affidati, fiscalmente a carico (ex art. 12, comma 2, TUIR).

Per fruire di questo innalzamento è necessario dichiarare al datore di lavoro la presenza di figli fiscalmente a carico, compresi i figli nati fuori dal matrimonio e riconosciuti, i figli adottivi o affidati, indipendentemente dall’età e dalla circostanza che convivano o meno con i genitori.

Su #People > Servizi Amministrativi > Richieste Amministrative è stato inserito il nuovo box

Autocertificazione Richiesta Soglia Fringe Benefits 2.000 euro”.

L’Autocertificazione dovrà essere inviata entro il 30/11/2024 per ottenere l’innalzamento della soglia fringe benefit a € 2.000 nel corso dell’anno e, comunque, in tempo utile per il conguaglio nel cedolino di dicembre 2024. Eventuali dichiarazioni successive, inviate entro e non oltre il 31/12/2024, saranno oggetto di conguaglio nel mese di gennaio 2025.

La gestione in cedolino della voce 9SF2 – Attiv. Soglia Fringe 2000€ avverrà sempre a mese differito, ovvero ad esempio i dipendenti che hanno già presentato l’autodichiarazione entro marzo troveranno la voce nel cedolino di aprile 2024, e così via.

3. Erogazione delle Borse di studio ai figli dei dipendenti

Di seguito ti forniamo un’evidenza delle tempistiche di pagamento delle provvidenze sulla base dello stato pratica, che puoi consultare dal riepilogo richieste accedendo a #People > Servizi Amministrativi > Richieste:

  • in stato PAGATA: è erogata con il corrente cedolino di marzo;
  • in stato APPROVATA: sarà erogata con il cedolino di aprile;
  • in stato IN VERIFICA: necessita di approfondimenti da parte dei Servizi Amministrativi del Personale, in tal caso ti invitiamo ad attendere un nostro riscontro;
  • in stato SOSPESA: necessita della trasmissione di nuova documentazione o della comunicazione dei dati che ti sono stati richiesti;
  • in stato INVIATA: verrà sottoposta a nuova verifica il cui esito ti sarà

In presenza dei requisiti il diritto non decade e il contributo verrà regolarmente riconosciuto con i prossimi cedolini.

Per approfondire le questioni relative agli assegni di studio potete consultare la Guida Assegni di Studio

4. Acconto addizionale comunale 2024

Come previsto dalla vigente normativa fiscale, è stata calcolata l’addizionale comunale in acconto per l’anno in corso, sulla base dell’imponibile fiscale dell’anno 2023, che verrà trattenuta in 9 rate a partire dal cedolino di marzo 2024.

5. Fondo Pensione Gruppo ISP: coperture premorienza e/o invalidità permanente a carico dell’azienda

Come previsto dall’Accordo di Armonizzazione delle Prestazioni Accessorie connesse alla Previdenza Complementare del Gruppo ISP dell’11/10/2018 e dall’Accordo del 15/02/2023 per gli iscritti al fondo ex-BRE, si è provveduto all’erogazione del contributo datoriale 2024 utile a garantire alla platea di riferimento i trattamenti previsti, visibile sul cedolino con le seguenti voci:

  • 4ZW1 “Contr. Pol. Prem”, per gli iscritti a fondi a contribuzione definita;
  • 4ZW2 “Contr. Pol. Prem”, per gli iscritti a fondi a prestazione definita. 

Per approfondire le questioni relative al Fondo Pensione e relative coperture potete consultare la Guida Previdenza Complementare.

6. Modello 730/2024

I colleghi interessati da fusioni e incorporazioni societarie intervenute nel corso dell’anno 2023 che presentano il 730 tramite CAF, professionisti abilitati o autonomamente tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate sono invitati a prestare particolare attenzione all’indicazione del corretto sostituto d’imposta che effettuerà le operazioni di liquidazione delle dichiarazioni che coincide con il datore di lavoro alla data di presentazione della dichiarazione dei redditi.

In caso di errata indicazione l’Agenzia delle Entrate potrebbe avere difficoltà a far pervenire i risultati contabili delle dichiarazioni e, in tal caso, si dovrà procedere all’elaborazione di un modello integrativo per cambio sostituto che verrebbe regolato sugli stipendi successivi a quello di luglio.

7. Conto Welfare UBI

Con voce 2CWU – Cont. Welfare UBI a Soc. (figurativa), viene indicato ai colleghi di provenienza dall’ex Gruppo UBI, destinatari del “Conto Welfare UBI”, il relativo importo per il suo utilizzo welfare (versamento di contribuzione aggiuntiva alla propria posizione di previdenza complementare o Conto Sociale).

8. Conto Sociale familiari non autosufficienti

Nel cedolino di marzo sono in liquidazione con voce 16RS DISABILITA’ RIMBORSO SPESE, le somme relative alle richieste di rimborso spese sostenute per servizi di assistenza a favore di familiari conviventi con disabilità in situazione di gravità e in possesso di certificazione medica di non autosufficienza (c.d. Conto sociale familiari non autosufficienti).

 

Aree Professionali e Quadri Direttivi con CCNL Assicurativo

 

1. Esonero contributivo per le lavoratrici madri

Come previsto dalla Legge di Bilancio 2024 nel cedolino di marzo 2024 si è provveduto ad applicare l’esonero della quota dei contributi previdenziali dovuta dalle lavoratrici madri con contratto a tempo indeterminato, con almeno due figli il cui minore ha meno di 10 anni (9 anni e 364 giorni), o con almeno tre figli il cui minore ha meno di 18 anni (17 anni e 364 giorni).

L’agevolazione viene riconosciuta fino ad un massimo di € 3.000 all’anno (€ 250 mensili) ed è limitata al 2024, per le madri con almeno due figli, e al periodo 2024-2026, per le madri con almeno tre figli.

Il diritto decorre dal 1° gennaio 2024 o, se successiva, dalla nascita del secondo figlio per il solo anno 2024 o dalla nascita del terzo figlio per gli anni 2024, 2025 e 2026. Il diritto cessa il mese successivo al compimento dei 10 o 18 anni del figlio più piccolo. La riduzione contributiva trova applicazione anche in favore delle lavoratrici che, nell’ambito del proprio nucleo familiare, abbiano bambini in adozione o in affidamento.

L’applicazione di tale agevolazione è alternativa e di maggior favore rispetto alla riduzione contributiva del 6% o 7%, prevista dalla Legge di Bilancio 2024 per le retribuzioni mensili che non superino rispettivamente € 2.692 o € 1.923 nel corso dell’anno 2024.

In cedolino:

  • voce 7S20 Contr.Madri 2 figli: importo accreditato contributi previdenziali;
  • voce 7S30 Contr.Madri 3 figli: importo accreditato contributi previdenziali.

Gli eventuali arretrati competenti per i mesi di gennaio/febbraio 2024 saranno erogati entro la mensilità di maggio.

Vi ricordiamo che per approfondire le questioni relative alla Maternità e alla Paternità potete consultare la nostra Guida MATERNITA’, PATERNITA’, ADOZIONE e AFFIDAMENTO.

2. Autocertificazione innalzamento soglia Fringe Benefit 2.000 euro

In virtù delle previsioni dell’art. 1 commi 16-17 della Legge 213/2023 per l’anno 2024 i fringe benefits non concorrono a formare reddito entro il limite complessivo di € 1.000 (Rif. news del 1/3/2024).

Il già menzionato limite è aumentato ad 2.000 per i lavoratori dipendenti con figli, compresi i figli nati fuori dal matrimonio riconosciuti, adottivi o affidati, fiscalmente a carico (ex art. 12, comma 2, TUIR).

Per fruire di questo innalzamento è necessario dichiarare al datore di lavoro la presenza di figli fiscalmente a carico, compresi i figli nati fuori dal matrimonio e riconosciuti, i figli adottivi o affidati, indipendentemente dall’età e dalla circostanza che convivano o meno con i genitori.

Su #People > Servizi Amministrativi > Richieste Amministrative è stato inserito il nuovo box

Autocertificazione Richiesta Soglia Fringe Benefits 2.000 euro”.

L’Autocertificazione dovrà essere inviata entro il 30/11/2024 per ottenere l’innalzamento della soglia fringe benefit a € 2.000 nel corso dell’anno e, comunque, in tempo utile per il conguaglio nel cedolino di dicembre 2024. Eventuali dichiarazioni successive, inviate entro e non oltre il 31/12/2024, saranno oggetto di conguaglio nel mese di gennaio 2025.

La gestione in cedolino della voce 9SF2 Attiv. Soglia Fringe 2000€ avverrà sempre a mese differito, ovvero ad esempio i dipendenti che hanno già presentato l’autodichiarazione entro marzo troveranno la voce nel cedolino di aprile 2024, e così via.

3. Erogazione delle Borse di studio ai figli dei dipendenti

Di seguito ti forniamo un’evidenza delle tempistiche di pagamento delle provvidenze sulla base dello stato pratica, che puoi consultare dal riepilogo richieste accedendo a #People > Servizi Amministrativi > Richieste:

  • in stato PAGATA: è erogata con il corrente cedolino di marzo;
  • in stato APPROVATA: sarà erogata con il cedolino di aprile;
  • in stato IN VERIFICA: necessita di approfondimenti da parte dei Servizi Amministrativi del Personale, in tal caso ti invitiamo ad attendere un nostro riscontro;
  • in stato SOSPESA: necessita della trasmissione di nuova documentazione o della comunicazione dei dati che ti sono stati richiesti;
  • in stato INVIATA: verrà sottoposta a nuova verifica il cui esito ti sarà

In presenza dei requisiti il diritto non decade e il contributo verrà regolarmente riconosciuto con i prossimi cedolini.

Per approfondire le questioni relative agli assegni di studio potete consultare la Guida Assegni di Studio.

4. Acconto addizionale comunale 2024

Come previsto dalla vigente normativa fiscale, è stata calcolata l’addizionale comunale in acconto per l’anno in corso, sulla base dell’imponibile fiscale dell’anno 2023, che verrà trattenuta in 9 rate a partire dal cedolino di marzo 2024.

5. Modello 730/2024

I colleghi interessati da fusioni e incorporazioni societarie intervenute nel corso dell’anno 2023 che presentano il 730 tramite CAF, professionisti abilitati o autonomamente tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate sono invitati a prestare particolare attenzione all’indicazione del corretto sostituto d’imposta che effettuerà le operazioni di liquidazione delle dichiarazioni che coincide con il datore di lavoro alla data di presentazione della dichiarazione dei redditi.

In caso di errata indicazione l’Agenzia delle Entrate potrebbe avere difficoltà a far pervenire i risultati contabili delle dichiarazioni e, in tal caso, si dovrà procedere all’elaborazione di un modello integrativo per cambio sostituto che verrebbe regolato sugli stipendi successivi a quello di luglio.

6. Conto Welfare UBI

Con voce 2CWU – Cont. Welfare UBI a Soc. (figurativa), viene indicato ai colleghi di provenienza dall’ex Gruppo UBI, destinatari del “Conto Welfare UBI”, il relativo importo per il suo utilizzo welfare (versamento di contribuzione aggiuntiva alla propria posizione di previdenza complementare o Conto Sociale).

 

 

X