image_pdfimage_print

Qui di seguito un estratto delle principali novità inserite nella busta paga di gennaio. Nel ricordarvi che per tutte le questioni relative alla busta paga potete consultare la nostra Guida alla BUSTA PAGA. Vi ricordiamo anche che in coda a molti dei chiarimenti sulle singole voci qui di seguito vi abbiamo riportato anche il rimando alla specifica guida.

Long Term Care
Si è provveduto al versamento del contributo annuale a carico azienda e alla contestuale segnalazione ai dipendenti sul cedolino paga con voce 4CLT. La quota prevede la copertura assicurativa, per il tramite della CASDIC, in relazione all’insorgenza di eventi imprevisti ed invalidanti dell’individuo tali da comportare uno stato di non autosufficienza.
Puoi consultare anche la nostra Guida alla LONG TERM CARE

Fondo per l’occupazione
Come stabilito dall’art. 31 del CCNL 19 gennaio 2012 rinnovato con accordo 31/03/2015 nel cedolino del corrente mese è stato esposto figurativamente con voce paga 2SOC, il controvalore relativo alla destinazione al Fondo per l’occupazione di 7 ore e 30 minuti per le aree professionali e di una giornata di ex festività per i Quadri Direttivi. I valori sono riproporzionati all’eventuale orario part time del collega.
 
Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa Sanpaolo
Si è provveduto al versamento del contributo aziendale 2018 al Fondo Sanitario (cedolino online sezione ASS.SAN – casella Contr. Az.), come previsto dal Regolamento. 
Le quote percentuali per il calcolo dei contributi al Fondo sono applicate su tutte le voci della retribuzione imponibile ai fini INPS; per l’anno 2018 il limite massimo della retribuzione su cui viene calcolato il contributo mensile è pari a € 8.965,85 mentre il limite annuale è pari a € 107.590,19 con conguaglio a dicembre o a cessazione.
Puoi consultare anche la nostra Guida al FONDO SANITARIO INTEGRATIVO

Addizionali regionali e comunali rateizzate
Come previsto dalla vigente normativa fiscale sono state calcolate sull’imponibile fiscale dell’anno 2017 le addizionali regionali e comunali che verranno trattenute in 11 rate a partire dal cedolino di gennaio 2018.

Previdenza complementare
In applicazione dell’accordo del 07/10/2015 per i dipendenti delle società indicate nell’allegato1 dello stesso accordo, il contributo aziendale è stato aumentato al 3,5% per i colleghi iscritti al Fondo Pensione a Contribuzione Definita del Gruppo Intesa Sanpaolo.
Puoi consultare anche la nostra Guida alla PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Previdenza complementare – iscritti alla ex Cassa IBI ora Fondo Pensione a Contribuzione Definita del Gruppo Intesa Sanpaolo
Sono state determinate, in base al Regolamento vigente, le nuove quote di contribuzione per l’anno 2018, sia a carico dipendente che a carico azienda.
Puoi consultare anche la nostra Guida alla PREVIDENZA COMPLEMENTARE

****************************************

Ulteriori informazioni per i colleghi delle società Fideuram, Banca5, Reoco e per il perimetro ex Banche Venete

Indicazione di TFR lordo e Netto
Al fine di effettuare le corrette trascrizioni dei dati, si è reso necessario inibire per i mesi di gennaio e febbraio, l’esposizione dei progressivi annui relativi agli importi del TFR lordo e netto. Tali importi verranno nuovamente esposti a partire dal cedolino di marzo 2018.
Puoi consultare anche la nostra Guida al TFR

Competenze arretrate
Nella parte centrale del cedolino sono in liquidazione le indennità, le voci mensili e i ricalcoli di competenza dicembre 2017 e mesi precedenti, con voci dedicate identificate con il primo numero pari a 9 nella casella “cod.” e/o con la Voce 1662 Conguaglio competenze.

Indennità varie
Da gennaio 2018 gli importi erogati a titolo di indennità (rischio, sotterraneo, turno, ecc,) passano ad una gestione/liquidazione “differita”, ovvero le indennità di competenza del mese di gennaio saranno erogate con lo stipendio di febbraio p.v.

Previdenza complementare per i colleghi di Banca 5
In applicazione dell’accordo del 03/05/2017 per i dipendenti di Banca 5 il contributo aziendale è stato aumentato al 2,5% per i colleghi iscritti al Fondo Pensione a Contribuzione Definita del Gruppo Intesa Sanpaolo.
Puoi consultare anche la nostra Guida alla PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Previdenza complementare per i colleghi delle società Fideuram
In applicazione dell’accordo del 07/10/2015 il contributo aziendale è stato aumentato al 3,5% per i colleghi iscritti al Fondo Pensione a Contribuzione Definita del Gruppo Intesa Sanpaolo.
Puoi consultare anche la nostra Guida alla PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Premio polizza infortuni extra-professionali a carico azienda
Per i dipendenti della ex Banca Popolare di Vicenza, Banca Nuova e Servizi Bancari con voce 4PE0 sul cedolino è stato contabilizzato il saldo del contributo per l’anno 2017.
Puoi consultare anche la nostra Guida alla POLIZZA INFORTUNI PROFESSIONALI ED EXTRAPROFESSIONALI

Fondo per l’occupazione
Viene valorizzata la voce 2SOC con il numero della giornata interessata e la voce 1750 con l’indicazione dell’importo figurativo della giornata; i colleghi di Reoco non contribuiscono, al momento, al Fondo per l’Occupazione non essendosi ancora perfezionata la relativa iscrizione.    
 
********************************
 
Applicazione del Protocollo 15 novembre 2017
 
Protocollo 15 novembre 2017 – assetto retributivo
Si è dato applicazione a quanto disposto dall’art. 4 del Protocollo per l’armonizzazione conseguente all’integrazione del Personale delle ex Banche Venete nel Gruppo Intesa Sanpaolo del 15 novembre 2017, determinando l’importo del previsto “Assegno ex Protocollo 15.11.2017” a superamento dei trattamenti precedentemente in essere già individualmente percepiti alla data del 25 giugno 2017 e salvaguardati in via transitoria fino al 31 dicembre 2017.
Pertanto, a decorrere dal 1° gennaio 2018, oltre alla retribuzione spettante in applicazione del CCNL 31.3.2015 sulla base dell’inquadramento e dell’anzianità maturata e conteggiata senza soluzione di continuità, viene attribuito ai soli aventi diritto, l’assegno ad personam denominato “Ass. ex Prot. 15.11.17” ripartito su 13 mensilità e da assorbire fino a concorrenza esclusivamente a fronte di eventuale inquadramento superiore, anche economico.

Protocollo 15 novembre 2017 – previdenza complementare 
In applicazione dell’accordo del 15/11/2017:

  • Per i dipendenti iscritti ad un fondo aperto con TFR inoptato al 100% il TFR è stato versato al Fondo Pensione a Contribuzione Definita del Gruppo Intesa Sanpaolo con azzeramento dei contributi datoriali e dipendente
  • Per i dipendenti iscritti ad un fondo aperto senza TFR inoptato al 100% il TFR è stato versato al fondo aperto in essere con azzeramento dei contributi datoriali e dipendente
  • Per i dipendenti iscritti ai fondi CARIFAC e CARIPRATO è stato versato sia il TFR che i rispettivi contributi datoriali e dipendente al rispettivo fondo di appartenenza.

Puoi consultare anche la nostra Guida alla PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Protocollo 15 novembre 2017 – Assistenza Sanitaria Integrativa 
In via transitoria, per l’anno 2018 saranno conservate le coperture assicurative già in essere per il 2017.
A decorrere dal 1° gennaio 2018 solo il personale di Banca Apulia in servizio a tale data è stato iscritto al Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa con fruizione delle prestazioni di cui all’appendice 2 dello statuto del Fondo stesso.
Puoi consultare anche la nostra Guida al FONDO SANITARIO INTEGRATIVO

Protocollo 15 novembre 2017 – voci retributive diverse
In applicazione del Protocollo 15 novembre 2017 è superata l’erogazione di trattamenti definiti come Patti di stabilità, non concorrenza, ecc. (N.B: questa affrmazione aziendale è priva di fondamento in quanto la gestione dei “Patti di stabilità” NON discende dal protocollo sindacale ed è stata contestata all’azienda)
Non verranno corrisposti i trattamenti di pendolarismo e di disagiata destinazione in misura “fissa” (quelli cioè pagati per il mese in corso) che saranno ripristinati quanto prima possibile, dopo verifica della sussistenza al sussistere delle condizioni che ne avevano determinato l’erogazione. 
Non verranno corrisposte le indennità di direzione, che saranno riconosciute in applicazione dell’accordo 7.10.2015 dal mese di febbraio, attribuendo provvisoriamente una complessità pari a 1, in attesa della determinazione della complessità effettiva, salvo successivo eventuale conguaglio.

X