image_pdfimage_print

Nei giorni scorsi è proseguito il confronto per l’integrazione di UBI in ISP, che sarà come noto operativa dal 12 aprile.

L’approfondimento degli accordi in essere nei due Gruppi ha messo in evidenza le specificità e gli elementi molto avanzati che caratterizzano le intese sottoscritte dal Sindacato nelle rispettive realtà, e che nell’insieme rappresentano un complesso di norme all’avanguardia nell’intero settore del Credito.

Riteniamo quindi che l’armonizzazione dei trattamenti debba essere un’occasione importante per definire un impianto contrattuale uniforme e migliorativo per tutte le lavoratrici e i lavoratori del Gruppo nel suo nuovo perimetro che si realizza attraverso l’acquisizione di UBI, con l’obiettivo di incrementare ulteriormente una produttività già alta.

Questa produttività elevata è il risultato dell’impegno quotidiano delle lavoratrici e dei lavoratori del Gruppo a cui continuano a non essere risparmiate pressioni commerciali assillanti.

In avvio del confronto abbiamo unitariamente richiesto all’azienda un intervento che ponesse fine a comportamenti che deteriorano il clima aziendale e sono ben lungi dal consentire quella serenità che tutti dichiarano di ritenere indispensabile: intendiamo percorrere ogni possibile via che possa essere utile a migliorare le condizioni di lavoro delle persone.

Come FISAC CGIL, insieme con le altre OO.SS. abbiamo quindi richiesto la costituzione di una Commissione sulle Politiche Commerciali che sia in grado di contrastare da subito, con margini di intervento effettivi e adeguati, le indebite pressioni diffuse nella rete commerciale.

Abbiamo inoltre presentato all’Azienda una prima serie di richieste sulle materie che devono necessariamente essere definite entro il 12 aprile: mobilità, Ruoli professionali, orari di lavoro, conciliazione tempi di vita e di lavoro, part time e Premio di Risultato. Le richieste rappresentano la sintesi dei migliori trattamenti in essere in ISP e UBI.

Tutte le altre materie che fanno parte della Contrattazione di Secondo Livello andranno definite in tempi successivi e certi: tra questi Previdenza Complementare, Assistenza Sanitaria e Circolo Ricreativo.

La trattativa riprenderà il prossimo 25 marzo con la presentazione delle ulteriori richieste di parte sindacale e le prime risposte aziendali.

19 marzo 2021

SEGRETERIE DI GRUPPO ISP – UBI

Click qui per il pdf

X