image_pdfimage_print

Oggi si è svolto all’incontro con l’azienda per fare il punto sulle valutazioni che colleghi hanno espresso nella recente survey dedicata alle flessibilità di orario / modalità lavorative introdotte in azienda con particolare riferimento a: Smart Working, 4×9, flessibilità in ingresso e Smart Learning.

Vi anticipiamo che si è registrato un generale e ampio apprezzamento per queste nuove modalità di lavoro e le flessibilità connesse, ma sono emersi anche significativi punti criticità su aspetti specifici.

In particolare si registrano:

  1. Una diversa percentuale di apprezzamento tra la Rete e le Direzioni Centrali anche in conseguenza delle diverse possibilità di utilizzo di questi strumenti.
  2. Alcune difficoltà rispetto alla disponibilità dei Responsabili alla concessione dello Smart Working e delle altre flessibilità.
  3. Una percentuale purtroppo significativa (l’8% di coloro che hanno risposto e quindi probabilmente significativamente più alta se si considera l’intera platea delle filiali) di colleghi che ha dichiarato l’impossibilità di fruire del diritto allo Smart Learning. Questo è un elemento di forte preoccupazione poiché si tratta della violazione di un diritto individuale che peraltro potrebbe avere un peso non trascurabile rispetto al mancato completamente della formazione con tutte le connesse ricadute negative a cominciare da quelle sul PVR o sui Percorsi Professionali.

Nei prossimi giorni vi forniremo un’analisi dettagliata dei dati emersi dai questionari e le nostre valutazioni sui punti principali.

*******

Durante l’incontro è stato fatto un punto anche sulla situazione degli Hub. Ad oggi esistono 64 HUB, con 596 postazioni.

Sono previsti interventi di potenziamento mediante:

  • Nuovi HUB

  • Aumento delle postazioni in quelli esistenti

  • Utilizzo “generalizzato” delle postazioni attualmente dedicate ai colleghi delle filali coinvolte nella sperimentazione delle giornate di chiusura per 4×9 e che non sono state utilizzate (circa il 90% di quelle complessivamente disponibili).

L’analisi di questo potenziamento è stata anche l’occasione per ritornare sulla necessità di individuare nuovi, più sostenibili ed efficaci sistemi di prenotazione e di eventuale disdetta della medesima.

X