image_pdfimage_print

In data 17 novembre 2020 si è svolto, con modalità di videoconferenza, l’incontro trimestrale tra le Organizzazioni Sindacali dell’Area Napoli e Provincia e la Delegazione Aziendale rappresentata da  Visone Stefano, Mancini Antonella, Noviello Savino, Esposito Stefano, Spada Roberto e da Gaetano Capogreco dell’Ufficio Relazioni Sindacali della Direzione Centrale.

Il Responsabile Direzione Commerciale Imprese Campania, Basilicata, Calabria e Puglia Dott. Visone ha dichiarato di ritenersi soddisfatto per i risultati raggiunti e per l’impegno profuso da tutti i lavoratori dell’Area, soprattutto in un momento drammatico come quello che il nostro Paese sta attraversando ormai da mesi. Ha inoltre affermato che la salute e la sicurezza dei lavoratori sono diritti prioritari da tutelare rispetto a tutte le esigenze aziendali. Proprio per questo motivo, ha proseguito, la nostra banca risulta all’avanguardia nel settore per la tutela di colleghi e clienti.

Venendo poi all’attività svolta nella Rete, il Dottor Visone ha sottolineato come la soddisfazione dei clienti resti elevata ed i risultati commerciali posizionino la nostra Area nella parte alta del ranking nazionale. Nel Retail si è registrata un’importante crescita nel settore dei mutui ed ottime performance sono state registrate nell’ambito Affluent. Il settore Exclusive, a sua volta, ha conseguito tutti gli obiettivi relativi alla raccolta.

Il comparto Imprese ha sostenuto la carenza di liquidità, presente nel territorio, con erogazioni cresciute sino a tre volte i volumi precedenti, raggiungendo marginalità importanti e sviluppando significativamente anche l’aspetto Tutela.

Abbiamo ricordato all’azienda che gli ottimi risultati ottenuti sono dipesi soprattutto dallo spirito di squadra e di sacrificio che hanno i nostri colleghi, in mancanza del quale difficilmente l’Area Napoli e Provincia si troverebbe nella  parte alta del ranking nazionale.

Come OO .SS. abbiamo evidenziato che la proclamata priorità della salute e sicurezza dei lavoratori viene di fatto disattesa nella prassi quotidiana. In particolare continuano gli affollamenti nelle filiali nonostante la gestione degli appuntamenti, i dispositivi di protezione e sicurezza risultano poco adeguati e insufficienti, il numero di steward è assolutamente inadeguato rispetto alla specificità del territorio, per non parlare della pulizia e igienizzazione degli ambienti di lavoro.

Abbiamo richiesto che l’inserimento di appuntamenti nelle agende dei gestori delle filiali da parte dei colleghi della FOL, dei coordinatori e dei direttori, venga concertato o almeno effettuato prendendo in considerazione i diversi tempi necessari all’ espletamento delle attività relative a tipologie di prodotti completamente differenti tra loro.

Abbiamo denunciato , nonostante le dichiarazioni aziendali, il persistere di violente e indebite  pressioni commerciali da parte di capiarea, direttori e coordinatori.

Abbiamo sottolineato che i colleghi continuano a svolgere duplice funzione, quella  di “ Infermieri” nelle filiali, in quanto ci sono clienti che si rifiutano di provvedere autonomamente alla misurazione della temperatura corporea ed alla igienizzazione delle mani (sul punto ci è stato assicurato che i direttori di filiale saranno autorizzati all’acquisto di un secondo termometro digitale ad uso esclusivo della clientela) e quella di bancari.

Le violenze sia fisiche che verbali sono aumentate in modo netto, il ricorrere alle forze dell’ordine oramai è una consuetudine, le aggressioni di qualsiasi tipo sono un problema che la banca deve gestire ed anzi prevedere con idonei interventi senza lasciare i colleghi ad affrontare, da soli, situazioni di forte tensione.

Abbiamo evidenziato che la fruizione delle ferie deve avvenire nel rispetto della normativa vigente e della programmazione effettuata. Non sono quindi tollerabili comportamenti difformi. Al riguardo la Responsabile del Personale della Direzione Regionale si è impegnata in prima persona, su nostra richiesta, affinché non si verifichino più richieste di fruizione di ferie disposte d’ufficio il giorno prima per il giorno seguente, poiché tale pratica lede lo spirito stesso che risiede nelle giornate di riposo che vanno tempestivamente organizzate.

Abbiamo, infine, sottolineato come la carenza di organici, ormai strutturale nella nostra Area, abbia chiaramente evidenziato le forti criticità di un modello organizzativo in continua evoluzione e non più corrispondente alla reale organizzazione del lavoro.

In relazione agli argomenti trattati, riteniamo indispensabile da parte dell’Azienda avere risposte tempestive ed adeguate sulle tematiche, già più volte discusse. In mancanza, ci vedremo costretti a valutare un percorso vertenziale.

Napoli, 30/11/20

I COORDINATORI RRSSAA DI AREA NAPOLI E PROVINCIA   

            

X