image_pdfimage_print

Ce lo siamo sentiti dire molte volte ma, spesso, non tutti noi capiamo se il centro sia espressione del “fulcro” o del “bersaglio”.

Purtroppo alle nostre evidenze sindacali arrivano sempre più segnali che i colleghi siano il bersaglio a tutta una serie di problematiche aziendali: processi, procedure incomprensibili e “inesattezze” comunicative, il tutto condito col solito obiettivo del “risultato” senza se e senza ma.

Vogliamo ora usare in maniera completa la parola del titolo rivolgendoci all’importante “funzione del

Personale” che gestisce le risorse tutte e domandare che riscontro hanno di tutto questo?

Il loro è un compito difficile, lo capiamo, ma dal territorio spesso arrivano riscontri discordanti su attuazione di norme e sulla gestione delle richieste dei colleghi.

Detto questo agevoliamo sinteticamente alcune considerazioni in ottemperanza al nostro protocollo delle relazioni industriali del 14 Aprile 2021:

  • Art 7 comma 6. Quante sono le riduzioni di intervallo concesse e quali caratteristiche il collega deve avere per ottenerle? Ci arrivano segnalazioni contraddittorie sulle
  • Art 7 comma 1. Quante sono le richieste di mobilità soprattutto dei colleghi interessati ad un trasferimento in Filiale Digitale?
  • Art 7 comma 1. Quanti sono i colleghi che hanno fatto richiesta di svolgere lavoro Flessibile da casa perché ricadenti nella previsione di legge per i figli under 14?

Ricordiamo ed esortiamo i colleghi affinché qualsiasi richiesta rivolta all’Azienda sia sempre fatta in forma scritta. Questo non solo agevolerà il nostro operato in funzione statistica ma, soprattutto, rappresenta la prima difesa contro le troppe cose che rimangono appese al “filo” del detto ma non ricordo.

Coordinamenti ISP Aree Firenze e Prato – Toscana Sud

Firenze, 01 dicembre 2022

X