image_pdfimage_print

direttivo fisac 18 e 19 novembreIl Sindacato unitariamente ha chiesto ad ABI un cambio radicale, da verificare nel prossimo incontro del 25 novembre; ove ABI non modificasse il proprio atteggiamento, il Direttivo Nazionale FISAC/CGIL ritiene indifferibile la mobilitazione della categoria, a difesa dei diritti delle Lavoratrici e dei Lavoratori.
Per questo, al permanere delle posizioni di ABI, il Direttivo Nazionale FISAC/CGIL dà mandato alla Segreteria Nazionale:

  • di riaffermare i contenuti della Piattaforma come punto di ripresa del negoziato;
  • di ribadire l’impraticabilità di ogni percorso negoziale, al permanere delle pregiudiziali espresse da ABI;
  • di dichiarare la mobilitazione della categoria e mettere in atto tutte le iniziative utili a battere le posizioni dell’associazione bancaria, dal blocco dei negoziati nelle Aziende e nei Gruppi, a manifestazioni allo Sciopero Generale, avviando un percorso di assemblee in ogni posto di lavoro, al fine di informare le Lavoratrici ed i Lavoratori, di coinvolgerli ed ottenerne il convinto mandato, necessario al buon esito della vertenza. La mobilitazione dovrà essere supportata da iniziative, in forma anche nuova, che rappresentino al Paese le reali responsabilità del management e dei banchieri rispetto allo stato di crisi del settore.
  • di realizzare, così come finora è avvenuto, dalla costruzione della Piattaforma alla posizione manifestata unitariamente al tavolo del negoziato, l’opportuna unitarietà d’azione con le altre OO.SS. di categoria, all’interno della quale meglio definire le forme della mobilitazione che si dovranno mettere in atto.

CLICK QUI PER IL TESTO COMPLETO DEL DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL DIRETTIVO NAZIONALE FISAC DEL 18 E 19 NOVEMBRE

X