image_pdfimage_print

Dal 3 settembre è possibile richiedere un giorno di permesso retribuito per l’inserimento dei figli all’asilo nido e alla scuola materna (ve ne avevamo dato comunicazione qui).

Date le numerose domande di chiarimento che ci sono pervenute, ci sembra utile specificare alle mamme e ai papà alcuni aspetti:

  • Il permesso è riconosciuto per ciascun figlio e una sola volta per ciascun ciclo pre-scolastico: questo vuol dire che può essere richiesto un giorno di permesso per tutta la durata dell’asilo nido e un giorno di permesso per tutta la durata della scuola materna, indipendentemente dall’anno di frequenza del bambino;
  • Il permesso deve essere fruito nel corso dell’anno pre-scolastico, dal 1° settembre al 30 giugno, e gli eventuali residui non possono essere fruiti nell’anno successivo;
  • Se tutti e due i genitori sono dipendenti di Intesa Sanpaolo, il permesso può essere richiesto sia dalla mamma che dal papà;
  • Il permesso è fruibile a giornata intera oppure ad ore (per periodi minimi di un’ora e, in caso di utilizzo superiore all’ora, per 15 minuti e multipli;
  • Il permesso è cumulabile con i riposi giornalieri ma solo se la somma delle ore del permesso per l’inserimento asilo e le ore di allattamento non esauriscano l’intero orario di lavoro;
  • Il permesso invece è sempre cumulabile con i permessi Legge 104/92;
  • Una volta rientrati in servizio, occorre produrre il certificato di iscrizione al nido o alla materna. In alternativa, è possibile produrre un’autocertificazione attestante l’iscrizione del bambino (specificando la scuola e l’anno scolastico frequentato) e allegare copia del pagamento della quota di iscrizione o della mensa scolastica.

Sono ovviamente a vostra disposizione per ogni ulteriore chiarimento! Scrivetemi alla mail claudia.stoppato@fisac.net 

.

X