Archivio News Principali

CIRCOLO ALI: le novità e gli aggiornamenti di gennaio delle convenzioni dedicate ai soci

Allo scopo di darne la più ampia diffusione, riprendiamo una comunicazione del Circolo ALI 

Mese dopo mese, l’offerta di ALI si arricchisce con nuove convenzioni nazionali o con aggiornamenti e miglioramenti di quelle già attive. 

Queste le segnalazioni di gennaio

FARMACIE ONLINE: sono state stipulate nuove convenzioni territoriali e nazionali con numerose farmacie (esempio Pharmanow ed Efarma) che offrono ai soci l’opportunità di acquisti vantaggiosi, anche online.

SEDUTE ERGONOMICHE: i soci possono usufruire di sconti straordinari ed esclusivi sui prodotti delle migliori aziende del settore, che garantiscono comfort, benessere e design.

– INTERSTUHL – il maggior produttore europeo di sedie ergonomiche, che vanta know-how ed esperienza nello sviluppo e nella produzione, offre prodotti realizzati all’insegna di qualità e innovazione.

– SEDUS – nata nel 1871 a Waldshut in Germania, offre sedute caratterizzate da ergonomia, design, funzionalità, sicurezza, qualità ed ecosostenibilità. 

ENEL: nuove soluzioni per la fornitura di energia a prezzi vantaggiosi per i soci. Da scoprire l’offerta speciale di ENEL ENERGIA per il libero mercato, valida fino al 1° febbraio 2021: Luce 35 Plus – Luce 35 Bioraria Plus – Gas 35 Plus. 

GRUPPO EDITORIALE L’ESPRESSO: ai soci sono riservati sconti fino al 70%, per tutto il 2021, su abbonamenti alle riviste Espresso, Limes, Micromega, Le Scienze, MIND Mente & Cervello, National Geographic.

IQMEDIA: il meglio della tecnologia a prezzi scontati. Una nuova piattaforma di e-commerce riservata ai soci offre opportunità di acquisto on line a prezzi da grossista su un’ampia gamma di prodotti tecnologici delle migliori marche con un servizio rapido, efficiente e sicuro, nel rispetto dei più alti standard qualitativi. Le offerte sono in continuo aggiornamento e riassortimento.

LE SAC: grazie a un nuovo accordo, nei negozi e nello shop online verrà applicato uno sconto aggiuntivo del 10%, su tutti i prodotti delle più prestigiose marche, tra le quali Braccialini, Coccinelle, Furla, Piquadro, Samsonite e Timberland. Lo sconto extra verrà applicato anche sulle promozioni e le vendite speciali/outlet.

NATI’: l’azienda offre prodotti estetici professionali completamente green, biocompatibili e realizzati secondo i principi dell’avanguardia scientifica per un’efficacia senza confronti. Ai soci verrà offerta, in esclusiva, una consulenza professionale omaggio e lo sconto del 20% su tutto il catalogo prodotti nello shop online.

NOUBA: il leader nell’industria del makeup offre la possibilità di esprimere, tramite un look personalizzato, la propria personalità, scegliendo tra una vastissima gamma di prodotti con elevati standard qualitativi. Previa registrazione sul sito, si potrà beneficiare dello sconto esclusivo del 30% su tutti i prodotti dello shop online.

SALOTTO SHOP: sulla landing page dedicata ai soci ALI si potrà cogliere l’opportunità di uno sconto del 35%, valido anche su tutti i prodotti in promozione.

TINOLEGGIO: l’azienda propone soluzioni per noleggiare auto, furgoni e pulmini, in Italia e all’estero. Grazie al motore di ricerca sarà possibile individuare le migliori offerte delle maggiori compagnie di autonoleggio e prenotare il mezzo che si preferisce con poche e semplicissime operazioni.  Saranno applicati sconti esclusivi sulle tariffe di noleggio utilizzando il nuovo codice sconto pubblicato nella pagina dedicata alla convenzione. 

TRILED: l’innovativa lampadina LED a tripla funzione, con luce bianca fredda, luce bianca naturale e luce gialla antizanzare, è disponibile per i soci a prezzi di favore, anche nella versione portatile con batteria ricaricabile tramite USB. È adatta sia per l’illuminazione interna che per quella esterna di giardini e terrazzi. 

Nella sezione “Sconti e Convenzioni” di Ali x te, la nuova sezione online del sito di ALI studiata per migliorare sempre di più la qualità e la gamma dei servizi pensati per i soci, sono pubblicate tutte le convenzioni stipulate con importanti partner. Le convenzioni nazionali e territoriali sono consultabili attivando la ricerca per città, provincia, regione, tipologia di convenzione e geolocalizzazione. 

Per maggior informazioni visita Ali x te 

 

 

Dopo le pressanti richieste sindacali, Intesa Sanpaolo delibera altre 1.000 nuove assunzioni

Alla luce della dichiarazione di Intesa Sanpaolo di accogliere tutte le richieste di esodo pervenute (oltre 7000), la FISAC e le altre organizzazioni sindacali avevano chiesto ulteriori assunzioni, in proporzione al rapporto di una assunzione ogni due uscite già previsto nell’accordo del 29/9/2020.

Di fronte alla nostra fermezza, ISP ci ha appena comunicato che procederà ad ulteriori 1.000 assunzioni oltre alle 2.500 già siglate nell’accordo per le 5.000 uscite.

E’ un risultato molto importante e positivo per l’azienda e per i molti giovani che in questo modo potranno accedere stabilmente al mondo del lavoro. A dimostrazione che in una Italia pur colpita dolorosamente dalla pandemia, attraverso il confronto con le organizzazioni sindacali si possono dare segnali inequivocabili di attenzione al mondo del lavoro ed alla occupazione giovanile in particolare.

Nella nostra richiesta di nuove assunzioni avevano anche specificato che si sarebbe dovuto prestare particolare supporto alle zone disagiate ed al Sud del paese ma anche alla Rete di filiali che continua a offrire un servizio essenziale a tutta la cittadinanza, pur versando in condizioni molto difficili.

Ci aspettiamo anche su questo aspetto fondamentale la dovuta  attenzione per la migliore tutela della qualità del lavoro nella nostra banca e del servizio alla clientela.  

La Segreteria FISAC/CGIL Gruppo Intesa Sanpaolo

.

Covid-19 – effettuazione di tamponi antigenici rapidi presso le sedi del Gruppo 

Allo scopo di darne la massima diffusione, riprendiamo la news aziendale in oggetto

Covid-19 – effettuazione di tamponi antigenici rapidi presso le sedi del Gruppo 

L’attuale contesto pandemico di Covid-19 è caratterizzato dalla crescente necessità di identificare precocemente i soggetti portatori del virus,  con il fine ultimo di contenerne la diffusione: risulta quindi fondamentale la disponibilità di test diagnostici per SARS-CoV-2 che garantiscano tempi rapidi di risposta e facilità di gestione. 

Il Gruppo, con il supporto di Intesa Sanpaolo RBM Salute, ha realizzato 24 ambulatori presso locali aziendali su tutto il territorio nazionale, per l’effettuazione di test antigenici rapidi al personale, da parte di operatori sanitari specializzati.  

L’effettuazione di test antigenici rapidi in Azienda, permetterà di rendere più rapidi:

  • l’identificazione dei positivi tra soggetti asintomatici;
  • il testing dei casi sospetti;
  • il testing dei contatti.

 Per quanto ovvio la sottoposizione al test, che resta di natura volontaria per i colleghi, risponde a finalità epidemiologiche e riguarda gruppi omogenei di lavoratori selezionati centralmente: è pertanto esclusa la possibilità che il singolo collega chieda l’effettuazione del test.

I colleghi che potranno aderire all’iniziativa ed effettuare i test antigenici rapidi saranno in particolare individuati di volta in volta tramite le attività di triage svolte da Tutela Aziendale e dai Medici Competenti e tramite il modello epidemiologico sviluppato all’interno del NOGE: i colleghi coinvolti riceveranno una comunicazione con la proposta di adesione e con l’indicazione della data e della sede in cui sarà possibile effettuare il tampone, a cui potranno aderire o meno su base volontaria. Il trattamento dei dati sanitari è effettuato nel pieno rispetto della normativa privacy vigente.

 Sarà ovviamente escluso dalla partecipazione il personale in malattia, in astensione cautelativa, in isolamento fiduciario o quarantena, oppure con sintomi riconducibili al Covid-19.

 I locali aziendali in cui sono stati realizzati i 24 ambulatori per l’effettuazione dei test antigenici rapidi (prevalentemente collocati presso capoluoghi di regione)  garantiscono la completa sicurezza del personale normalmente presente nello stabile e dei colleghi che vi si recano per l’effettuazione del tampone, tramite idonei percorsi separati, spazi per l’attesa nel rispetto delle regole di distanziamento anti Covid-19, procedure specifiche per la gestione dei rifiuti e per l’igienizzazione e la sanificazione dei locali.

Elenco delle sedi in cui sono stati realizzati gli ambulatori
Caratteristiche test antigenici rapidi

2 NUOVE POSIZIONI APERTE SU JOBS@ISP

Come d’uso ve ne diamo conto, su Jobs@ISP, il mercato del lavoro INTERNO di Intesa Sanpaolo, fino al 29 gennaio 2021 ci sono 2 nuove opportunità aperte. Trovate una sintesi delle ricerche in corso qui di seguito con i rimandi diretti ai dettagli di ciascuna di esse.

La Società Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking sta cercando nuovi colleghi.

JOB FAMILY IT

Specialista Cyber Security per la Società Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking
Nella Struttura Information Security e Business Continuity puoi partecipare a progetti in ambito IT coltivando il tuo talento nell’analisi e nella gestione delle principali tematiche inerenti il rischio cyber. Se ti piace l’idea di lavorare in team a più progetti e hai buone capacità nel gestire i rapporti con le altre funzioni aziendali, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte della Funzione di Sicurezza Informatica di Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking. >> Vai alla posizione

JOB FAMILY STAFF

Product Specialist Sistemi Multicanalità Integrata per la Società Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking
All’interno della Struttura Modello di Business potresti metterti in gioco progettando nuovi sistemi di multicanalità integrata per la proposta di servizi e prodotti alla clientela Private. Se ti piace sviluppare nuove piattaforme e progettare customer exprience digitali alternative, scopri come entrare a far parte di Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking. >> Vai alla posizione

Vuoi candidarti da app mobile?

Accedi all’App #People dal tuo smartphone aziendale o Bring Your Own Device e leggi questa news direttamente da mobile. Puoi anche esplorare la sezione Jobs@ISP e cercare la posizione che ti interessa nelle Job Family di Intesa Sanpaolo.

Per utilizzare l’App #People è necessario aver attivato StrongAuth. Se non l’hai ancora fatto, dal tuo pc >> Vai a StrongAuth

Clicca qui per scoprire di più

Visita #People-Jobs@ISP 

Scopri le regole di Jobs@ISP 

 

IL 28 FEBBRAIO SCADE LA POSSIBILITÀ DI RICHIEDERE LE BORSE DI STUDIO PER I FIGLI UNIVERSITARI A.A. 2019/2020. CONGUAGLIO PRIMO ANNO E ANNI SUCCESSIVI

Scade il 28 febbraio il termine per la presentazione delle domande

Fino al 28 febbraio 2021 in #People > Servizi Amministrativi > Richieste > Borse di studio figli, sarà possibile inserire le richieste per le Borse di studio a favore dei figli universitari, relative all’anno accademico 2019/2020, per il conguaglio del 1° anno e per gli anni successivi.
Si ricorda che non sarà possibile dare corso a richieste inviate, fuori procedura, oltre il termine indicato.

Il documento da allegare, in formato digitale PDF, è la dichiarazione sostitutiva di certificazione, stampata già precompilata dal sito dell’Università, riportante i seguenti dati obbligatori:

– i dati identificativi dell’Ateneo e della facoltà;
– i dati anagrafici dello studente;
– il corso di laurea;
– l’anno di corso;
– l’elenco degli esami sostenuti;
– le date di superamento di ogni esame;
– i crediti acquisiti per ogni esame.

La dichiarazione deve essere datata e firmata dallo studente (non verranno ritenute valide dichiarazioni sostitutive scritte a mano o non scaricate direttamente dal sito universitario).

Solo nel caso in cui l’Ateneo non fornisca le dichiarazioni sostitutive di certificazione scaricabili online, è possibile allegare il certificato con esami rilasciato dalla segreteria dell’Università, (non è necessario che sia in bollo). Il certificato dovrà ripotare le informazioni già indicate per la dichiarazione sostitutiva di certificazione.

L’ufficio Servizi Amministrativi del Personale si riserva, se necessario, di richiedere ulteriore documentazione utile alla valutazione della richiesta.

Coloro che non hanno accesso a #People, come i colleghi lungo assenti, potranno presentare la domanda inviando il modulo, reperibile al percorso: Intranet > Persona > Presenze e retribuzioni > Borse di studio figli > Normativa > “Regole per l’erogazione delle borse di studio a favore dei figli dei dipendenti” > allegato 6 o 7, via e-mail a:  dc_ap_serv_amm_pers.71029@intesasanpaolo.com

Solo in caso di impossibilità di utilizzo di tale modalità è sempre disponibile il numero di fax 0425/460360 o l’indirizzo di posta: Intesa Sanpaolo S.p.A. – Servizi Amministrativi del Personale – Via Mazzini, 7 – 45100 ROVIGO.

Si raccomanda di verificare periodicamente lo stato della propria richiesta in #People > Servizi Amministrativi (nella parte alta della pagina è presente l’elenco di tutte le richieste):

– stato “INVIATA”: la richiesta è stata regolarmente acquisita dalla procedura;
– stato “IN VERIFICA”: l’ufficio Servizi Amministrativi del Personale sta eseguendo i consueti controlli di congruità;
– stato “SOSPESA”: perché la pratica possa proseguire il suo iter è necessario seguire le istruzioni comunicate con apposita e-mail, che restano sempre visibili nella procedura cliccando sulla richiesta e cercando il riquadro DESCRIZIONE CASO: vedere Stato Pratica: SOSPESA > Note dipendente;
– stato “COMPLETATA”: la richiesta è stata approvata.

Normativa di riferimento e FAQ sono disponibili nella sezione Intranet “Borse di Studio Figli”, seguendo il percorso Intranet > Persona > Presenze e Retribuzioni.

È comunque sempre possibile inviare richieste di supporto e chiarimenti in #People > Assistenza > Assistenza HR, scegliendo la categoria “Borse di studio figli”.

Per avere una consulenza personalizzata potete contattare il nostro esperto in materia Luciani Nazario oppure consultate la sua Guida agli ASSEGNI DI STUDIO PER I FIGLI DEI DIPENDENTI e ricordate comunque che i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti) sono a vostra disposizione per ogni chiarimento.

 

News Flash: Distacchi, Complessità filiali, Ultime delibere Antitrust

Nell’incontro di oggi, a margine delle nostre richieste in tema Covid e della consegna dei dati sul personale riferiti al 2019, abbiamo anche affrontato alcune questioni “flash”. In particolare: 

Distacchi da UBI verso ISP

Continuano i distacchi (totali o parziali) di colleghi ISP verso corrispondenti strutture UBI, sempre senza cambiamento della piazza di lavoro. In particolare:

1 collega nell’ambito Innovation e Digital

2 colleghi nell’ambito Private e Fideuram

3 colleghi nell’ambito Chief Governance Officer

1 collega nell’ambito Chief Risk Officer

5 colleghi nell’ambito Financial

1 collega nell’ambito Asset Management

2 colleghi nell’ambito IMI CIB

 

Complessità Filiali

Su nostra richiesta l’azienda ha confermato che la tabella relativa alle complessità delle filiali pubblicate ieri in Intranet NON tiene ancora conto dei correttivi introdotti con l’accordo di luglio (ne avevamo parlato qui) e che tali correttivi saranno applicati in sede di calcolo annuo.

 

Ultime delibere Antistrust in relazione alla cessione sportelli

Abbiamo chiesto all’azienda informazioni puntuali:

  • sulla data di cessione degli sportelli del perimetro ISP a BPER (se sia confermata l’ipotesi di giugno o se invece venga effettivamente anticipata al 21 febbraio)
  • sulla definizione puntuale di quali siano i 17 sportelli che devono essere ceduti in aggiunta a quelli già acquistati da BPER e su quale sia l’acquirente che procederà all’acquisizione

L’azienda ha detto che risponderà dopo le relative deliberazioni dell’Antistrust, attese entro domani.

.

L’ANALISI DEI DATI 2019 SUL PERSONALE IN ISP

Ogni anno l’Azienda fornisce i dati analitici su alcuni parametri relativi al personale. Qui di seguito vi riassumiamo alcuni dati riferiti al 2019.

Per eventuali raffronti storici, qui trovate i dati riferiti al 2018

I DATI DEL 2019

Il personale del Gruppo (perimetro Italia) ammontava a 65.705 colleghi.

I colleghi risultavano così suddivisi tra le varie Divisioni:

Gruppo ISP, Perimetro Italia Consuntivo al 31/12/2019 Consuntivo al 31/12/2018
ISP Capogruppo 59.998 48.339
Altre banche Rete 0 4.993
Società prodotto Banca dei Territori 65 1.637
Società a riporto Funzioni Centrali 220 7.873
Investment Banking 936 939
Insurance 874 812
Private Banking 2.990 3.145
Asset Management 589 570
Totale Perimetro Italia 65.705 68.308

La popolazione del Gruppo era composta per:

  • il 49,13% da uomini e il 50,87% da donne (nel settore 53,8% uomini e 46,2% donne);
  • i nuovi assunti sono per il 43,3% donne (46,5% nel settore), mentre i cessati sono per il 41,3 donne (38,8% donne);
  • il 56,04% da Aree professionali, il 42,35% da Quadri Direttivi e il 1,61% da Dirigenti (nel settore rispettivamente 56,2%, 41,5% e 2,3%); si osserva inoltre come nel gruppo il Personale Direttivo (Quadri + Dirigenti) sia di genere femminile per il 16,9%, a fronte del 14,7% di settore;
  • il 99,95% con Contratto a Tempo Indeterminato e lo 0,05% con altre forme contrattuali (nel settore rispettivamente 98,6% e 1,4%);
  • l’84,4% a Full Time e il 15,6% a Part Time (nel settore rispettivamente 87,6% e 12,4%);
  • il 38,1% laureato, il 57,0% diplomato e il 4,9% con altri titoli di studio (nel settore rispettivamente 42,3%, 52,1% e 5,6%);
  • e ha un’età media di 48 anni (47 nel settore).

Il costo del lavoro è diminuito da 5.220.800.000€ a 5.145.600.000€

Il 93,1% delle nuove assunzioni effettuate nel Gruppo è avvenuto con contratto a Tempo Indeterminato e il restante 6,9% con contratto a Tempo Determinato (nel settore 56,8% a Tempo Indeterminato, 34,3% a Tempo Determinato e 8,9% con Apprendistato).

Sono iscritte al Fondo Pensione di Gruppo oltre 95.000 persone in Italia con un patrimonio destinato a prestazioni superiore a 9,5 miliardi di Euro e un flusso di contribuzioni annuo pari a circa 400 milioni di Euro.

Sono iscritte al Fondo Sanitario di Gruppo circa 215.000 persone con un volume di prestazioni e contributi che supera i 157 milioni di Euro annui, di cui circa 70 a carico aziendale.

Sono state effettuate 2.533 promozioni (di cui 1.327 per ruolo).

Il Lavoro Flessibile è stato efettuato da 14.861 colleghi, per un totale di 411.515 giornate. Di queste giornate il 93% è stato svolto a casa, il 7% presso Hub e lo 0,1% presso Cliente.

Le Giornate di Sospensione Volontaria (SVL) sono state fruite da 13.624 colleghi, per un totale di 97.064 giornate.

Le giornate di Malatia sono state 447.241.

56.431 colleghi hanno fruito di formazione per un totale di 1.114.076 giornate. A queste giornate vanno aggiunte 39.000 ore di formazione flessibile. La formazione si è svolta per il 96,0% on line o a distanza, per il 3,0% in aula, per lo 0,7% in affiancamento e per lo 0,3% al di fuori dell’azienda. Gli argomenti trattati sono stati: Normativa e istituzionale 41,2%; Bancassicurazione 26,5%; Finanza 13,0%; Sviluppo commerciale 4,3%; Credito 1,7%; Servizi 2,2%; Comportamento manageriale 2,8%; Linguistica 6,6%; altri campi specialistici 1,8%.

Questi dati, sia presi in assoluto sia confrontati con quelli degli anni precedenti, descrivono una banca con alcuni aspetti positivi (una percentuale di lavoro stabile, di part time e di donne con inquadramento almeno da Quadro direttivo più alte di quelle di settore, nonchè un numero di promozioni contrattuali maggiore di quelle discrezionali), ma anche molte criticità (il costo del personale in diminuzione, l’età media che aumenta e supera quella di settore e un turn over non solo insufficiente ma che per di più penalizza la popolazione femminile). Questi indicatori richiedono una attenta riflessione e seri interventi correttivi a incominciare da una migliore e più ampia politica di turn over.

.

INCONTRO del 12 GENNAIO 2021: in primo piano le nostre richieste in relazione all’emergenza Covid

In data odierna si è tenuto il primo incontro del 2021 avente all’ordine del giorno l’informativa sui dati annuali prevista dal CCNL.

Dopo la consegna dei dati, vista la recrudescenza dell’epidemia Covid, come OO.SS., abbiamo richiesto un incontro urgente su ulteriori misure di prevenzione del contagio.

In particolare abbiamo sollecitato:

  • l’estensione dell’accesso alle Filiali tramite appuntamento alle zone arancioni e gialle
  • la presenza di un maggior numero di steward al fine di prevenire gli assembramenti
  • l’installazione del plexiglass alle postazioni di consulenza
  • la rivisitazione del progetto new concept che non consente un’adeguata tutela della salute e sicurezza dei lavoratori

L’azienda ha dichiarato che valuterà la situazione alla luce del prossimo DPCM.

Abbiamo inoltre evidenziato come l’evoluzione della situazione continui a creare pesanti difficoltà alle famiglie con figli in età scolare.

L’azienda ha dichiarato la propria disponibilità ad affrontare l’argomento dopo l’incontro tra ABI e Segreterie Nazionali che si terrà entro il mese di gennaio.

Nel frattempo continua in via di fatto l’applicazione dell’accordo sulla genitorialità per il perimetro Isp.

Con riferimento alla cessione di sportelli abbiamo reiterato la richiesta di indicazioni in merito alla migrazione dei conti correnti dei colleghi UBI e ISP, domiciliati presso sportelli ceduti a Bper. L’Azienda ha comunicato che è ancora in attesa del parere di Antitrust, che dovrà inoltre dare indicazioni sulla data di effettivo passaggio delle Filiali Isp a Bper.

 

ESTENSIONE TETI

L’azienda, nel corso dell’incontro, ha altresì rappresentato le modalità di estensione ai colleghi ex UBI del “sistema di rilevazione delle conoscenze per la formazione e lo sviluppo professionale” (TETI) che partirà entro fine mese e si concluderà entro febbraio.

Teti competenze è lo strumento che consente di fotografare le conoscenze che ognuno esercita durante la propria attività, acquisite nel corso del proprio percorso professionale, rilevando altresì le esigenze formative.

Il processo si sviluppa in due fasi: una prima di autovalutazione da parte del collega, la seconda di validazione da parte del Responsabile gerarchico.

Segnaliamo che il processo di rilevazione, ad adesione volontaria, è importante anche ai fini degli sviluppi professionali.

Teti competenze, operativo in Isp già dal 2018, sostituirà in UBI le precedenti rilevazioni diventando strumento unico nel nuovo perimetro di Gruppo.

 

VARIE PER I COLLEGHI UBI

Abbiamo chiesto le modalità operative per la presentazione della richiesta di SVL (Sospensione Volontaria di attività Lavorativa) e di fruizione della Banca del Tempo. L’Azienda ha dichiarato che sta predisponendo le relative istruzioni che saranno rese note a breve.

I part time con scadenza nel corso dei prossimi mesi non saranno rinnovati automaticamente e i colleghi interessati dovranno chiedere il rinnovo rivolgendosi al proprio Gestore del Personale.

Abbiamo chiesto indicazioni in merito alla polizza Covid, su UBI Sim e sul trasferimento del TFR ante 2006 ai Fondi Pensione: per tutti questi quesiti l’Azienda si è riservata la risposta nel corso dei prossimi incontri.

 

qui il documento in pdf

.

Benefici fiscali: disponibili per i colleghi le indicazioni per il riconoscimento

Allo scopo di darne la massima diffusione, come d’uso vi riportiamo la relativa news aziendale. Di cui abbiamo dato notizia tramite questa news del 7 gennaio 2021 e la nostra Infografica. Nel ricordarvi che per tutte le questioni relative alla busta paga potete consultare la nostra Guida alla BUSTA PAGA e vi ricordiamo i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti) sono a vostra disposizione per ogni chiarimento.

Disponibili per i colleghi le indicazioni per il riconoscimento dei benefici fiscali

La Legge di Bilancio 2021 e il Decreto-legge nr. 182 del 31 dicembre 2020 hanno reso strutturali le misure di sostegno ai redditi di lavoro dipendente previste dagli articoli 1 e 2 del Decreto-legge n. 3 del 5 febbraio 2020, convertito con modificazioni dalla Legge n. 21 del 2 aprile 2020 (trattamento integrativo euro 100 mensili e ulteriore detrazione, misure alternative tra loro).

Per i colleghi appartenenti alle Aree Professionali e ai Quadri Direttivi, con reddito complessivo presunto nel 2021 fino a 40.000 euro lordi, è disponibile nella sezione Intranet di Amministrazione e Operations HR (percorso Persona > Presenze e Retribuzioni) all’interno del box “News” la comunicazione che fornisce le indicazioni utili al riconoscimento dei benefici fiscali.

L’azienda procederà al riconoscimento del beneficio fiscale, a partire dal mese di gennaio 2021, automaticamente in busta paga, sulla base del reddito lordo da lavoro dipendente corrisposto al lavoratore nel corso dell’anno.

I colleghi che, per effetto di redditi ulteriori rispetto a quello da lavoro dipendente, presumono di percepire nel 2021 un reddito complessivo lordo annuo maggiore rispettivamente di 28.000 euro (trattamento integrativo) o 40.000 euro (ulteriore detrazione), hanno la facoltà di chiedere all’azienda l’esclusione dai benefici fiscali previsti dal Decreto.

L’applicazione della nuova norma in materia di taglio del cuneo fiscale potrà comunque essere richiesta in fase di conguaglio fiscale o in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi (modello 730/2022 redditi 2021 o modello Unico/2022 redditi 2021).

 

 

DETRAZIONI D’IMPOSTA 2021 PER FAMILIARI A CARICO: SERVIZIO IN FORMATO DIGITALE SU #PEOPLE

Allo scopo di darne la massima diffusione, come d’uso vi riportiamo la relativa news aziendale.

Dal 12 gennaio il servizio digitale è nuovamente attivo su #People

Il servizio digitale per gestire le detrazioni fiscali per i propri familiari è da oggi nuovamente attivo su People al percorso > Servizi Amministrativi > Richieste > Detrazioni fiscali.

Secondo la norma 106 del 12/07/2011 sulla semplificazione degli adempimenti di carattere amministrativo, l’Azienda ripropone la situazione in essere al 31/12/2020 proseguendo, senza necessità di ulteriore conferma, con l’erogazione mensile delle detrazioni spettanti.

Qualora invece la situazione debba essere variata, sarà possibile per i colleghi inserire una nuova richiesta, modificare o eliminare un diritto in essere  intervenendo direttamente tramite il form di #People e unicamente per l’anno in corso. Le variazioni avranno efficacia a decorrere dal primo cedolino utile – ad esempio quelle effettuate a gennaio verranno recepite sulla paga di febbraio – ed eventuali conguagli relativi all’anno in corso verranno effettuati con il cedolino di dicembre 2021.

Nella tabella di riepilogo sono esposti unicamente i familiari per i quali, secondo il rapporto di parentela e la normativa di riferimento, è possibile beneficiare della detrazione.

Se un familiare avente diritto, in base ai criteri sopra esposti, non risulta tra quelli in elenco, occorrerà prima censirlo tramite l’apposito form Gestione Nucleo familiare, disponibile su #People,  e successivamente inserire la percentuale di carico.

Eventuali rettifiche relative al 2020 potranno essere effettuate in occasione della denuncia annuale dei redditi (Modello 730 o Persone Fisiche).

Per il supporto operativo e gestionale su Detrazioni d’imposta per familiari a carico, sul portale #People è attiva l’Assistenza HR nella categoria Detrazioni d’imposta familiari a carico.

Il personale da lungo assente o che non ha la possibilità di utilizzare la procedura on-line potrà trasmettere la domanda utilizzando il modulo cartaceo, reperibile nella nostra Intranet al percorso Persona > Presenze e retribuzioni > Detrazioni d’imposta.

I moduli possono essere spediti via mail all’indirizzo
dc_ap_serv_amm_pers.71029@intesasanpaolo.com o via posta a:

Direzione Centrale Affari Sindacali e Politiche del Lavoro
Amministrazione e Operations HR
Servizi Amministrativi del Personale
Piazza San Carlo, 156 – 10121 Torino

 

 

AGGIORNAMENTO GUIDA ALL’ORARIO DI LAVORO

Vi comunichiamo che a seguito dell’introduzione della nuova modalità di rilevazione delle presenze, la nostra esperta Marianna Broczky ha aggiornato la GUIDA ALL’ORARIO DI LAVORO.

Come sempre le parti variate sono evidenziate in giallo in questo modo e Marianna è a vostra completa disposizione per chiarimenti e consulenze personalizzate.

Vi ricordiamo che potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti).

 

 

FINO 24 GENNAIO L’ORARIO DI INGRESSO DELLE FILIALI A MILANO RESTA INVARIATO

La azienda ci ha comunicato che a seguito della decisione della Regione Lombardia di proseguire le lezioni per le scuole secondarie di secondo grado con la didattica a distanza al 100% fino al 24 gennaio p.v. (https://www.lombardianotizie.online/dad-scuole-superiori/).

Il posticipo dell’apertura delle filiali del comune di Milano alle 9.30, e quindi rinviato a tale data, sino alla quale l’orario di ingresso per la clientela resterà quello attuale (dalle ore 8:30).

 

 

Aggiornamento Guida busta paga: stabilizzazione della riduzione cuneo fiscale

La Legge di stabilità 2021 ha previsto la stabilizzazione della riduzione cuneo fiscale.

In particolare:

  • per chi ha un reddito annuo fino a 28.000,00€ lordi è previsto un bonus in busta paga pari a 100€ netti mensili (questo bonus riassorbe completamente il “vecchio” Bonus Renzi).
  • per chi ha un reddito annuo fra 28.000,00 e 40.000,00€ lordi è prevista una detrazione pari a 1.200€ annui in corrispondenza di un reddito di 28.000€, detrazione che decresce linearmente fino ad azzerarsi al raggiungimento dei 40.000,00€.
Nella GUIDA ALLA BUSTA PAGA che ho provveduto ad aggiornare, trovate i dettagli di tutte queste novità: come al solito le parti variate della guida sono evidenziate in giallo questo modo.

Come sempre sono a vostra disposizione per approfondimenti e consulenze e vi ricordo che potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti).

Un caro saluto.

Claudia

.

DA OGGI (E SOLO FINO AL 22 GENNAIO) AUTOVALUTAZIONE UPPER

L’azienda ha comunicato oggi l’apertura della possibilità per tutti i colleghi con contratto a tempo indeterminato di inserire la propria autovalutazione in relazione al ruolo ricoperto e all’attività svolta nell’anno 2020. Come vi avevamo preannunciato con questa news del 18 dicembre 2020. Tale possibilità sarà disponibile fino al 22 gennaio. Allo scopo di darne la massima diffusione, come d’uso vi riportiamo un estratto relativo alla news aziendale.

Attraverso #People, è possibile esprimere una valutazione da 1 a 7 per ogni aggettivo associato agli indicatori e aggiungere un commento complessivo.

Per autovalutarsi è necessario accedere ad UpPER da #People > Formazione e Sviluppo > Performance Management.

Nel caso in cui si voglia utilizzare l’App mobile, accedendo all’App #People dallo smartphone aziendale o utilizzando Bring Your Own Device è possibile iniziare subito l’autovalutazione. Per utilizzare l’App #People è necessario aver attivato StrongAuth.   Attiva StrongAuth da pc 

Per approfondire tutti i vari passaggi del Sistema UpPER, le sue ricadute e la possibilità di un eventuale ricorso contro la valutazione, puoi consultare la nostra Guida alla Valutazione del Personale e comunque i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovi tutti i loro riferimenti) sono a tua disposizione per ogni chiarimento.

 

 

Le novità legge di Bilancio 2021 nella Guida maternità , paternità, adozione e affidamento

Vi comunico che ho aggiornato la Guida MATERNITA’, PATERNITA’, ADOZIONE e AFFIDAMENTO in relazione alla misure a sostegno della genitorialità introdotte o confermate dalla Legge di Stabilità 2021, con particolare riferimento a:

  • Congedo Paternità: è stata elevata da 7 a 10 giorni la durata obbligatoria del congedo obbligatorio di paternità per il 2021.
  • Bonus Bebè: è stato confermato per il 2021 l’assegno di natalità (bonus bebè) con le stesse modalità dell’anno precedente, per un importo minimo di 960,00€ e fino a un massimo di 1.920,00€, a seconda del redito ISEE.
  • Bonus Mamma domani: è stato confermato per il 2021 il bonus mamma domani di 800 euro per le donne in gravidanza.
  • Bonus Asilo nido: è stato confermato per il 2021 Bonus asilo nido con le stesse modalità dell’anno precedente, per un importo minimo di 1.500,00€ e fino a un massimo di 3.000,00€, a seconda del redito ISEE.
Nella Guida MATERNITA’, PATERNITA’, ADOZIONE e AFFIDAMENTO trovate i dettagli di tutte queste novità: come al solito le parti variate della guida sono evidenziate in questo modo.

Come sempre sono a vostra disposizione per approfondimenti e consulenze e vi ricordo che potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti).

Un caro saluto.

Claudia

.

Nuova gestione delle presenze e assenze per tutti i colleghi del Gruppo

L’azienda ha comunicato che a seguito della fase pilota che ha coinvolto circa 7.000 colleghi, di cui ne avevamo preannunciato la notizia qui e comunicato qui, sia di Rete sia di Strutture Centrali, con il 2021 le nuove modalità di rilevazione delle assenze giornaliere e delle timbrature saranno estese a tutti i colleghi del Gruppo di cui ve ne avevamo dato notizia qui, allo scopo di darne la massima diffusione, come d’uso vi riportiamo un estratto relativo alla news aziendale.

Nell’ambito delle progettualità legate a nuovi modi di lavorare, sono state ridefinite le regole per la gestione e rilevazione delle assenze giornaliere e delle timbrature

Dopo una fase pilota, che a dicembre 2020 ha coinvolto circa 7.000 colleghi, da gennaio 2021 le nuove modalità di rilevazione delle assenze giornaliere e delle timbrature saranno estese a tutti i colleghi del Gruppo.

Queste regole, illustrate in dettaglio nell’infografica e nel manuale allegato,  rispondono a un’esigenza di maggiore semplicità per i colleghi. Per esempio:

– per determinare la presenza in servizio verranno considerate esclusivamente la prima e l’ultima timbratura della giornata;

– anche il cartellino orologio si presenta in una nuova veste, con colonne che indicano con maggiore precisione la situazione giorno per giorno.

Il nuovo sistema, ispirato ai principi di responsabilizzazione e fiducia,  nasce dalla necessità di adattarsi all’evoluzione dei tempi e ad esigenze organizzative e individuali che richiedono logiche aziendali più semplici e flessibili. 

Tutte le informazioni di dettaglio sono consultabili anche  nei manuali dedicati sulla Intranet > Persona > Gestione > InteSap > Manuali > Gestione presenze e assenze.

 

 

APPROFONDIMENTO FISAC SULL’ACCORDO DI CESSIONE DI RAMI DI AZIENDE A BPER

L’accordo sottoscritto il 30 dicembre 2020 sulla cessione di rami di aziende a BPER rappresenta un risultato importante non solo per le lavoratrici e i lavoratori coinvolti nell’operazione, ma per l’intero settore bancario.

Come illustriamo in maniera dettagliata in questo approfondimento, l’intesa interviene su diversi ambiti:

  • difesa dei livelli occupazionali,
  • diritti di natura contrattuale e di carattere individuale,
  • tutela e valorizzazione delle competenze e della professionalità,
  • misure di conciliazione.

In particolare, per quanto riguarda la disciplina contrattuale applicabile, a fronte della proposta avanzata inizialmente da BPER di mantenere la normativa delle aziende di provenienza fino al 31 dicembre 2021 (data oltre la quale gran parte delle previsioni sarebbero state oggetto di revisione), l’accordo “mette in sicurezza” nel tempo i trattamenti economici di natura fissa, compresi quelli indiretti legati alla previdenza complementare e all’assistenza sanitaria integrativa.

Permangono le riserve di parte sindacale su alcuni dei criteri adottati per la definizione del perimetro dei rami oggetto di cessione, riserve rispetto alle quali l’azienda, ancora a poche ore dalla firma dell’accordo, ha ribadito la propria posizione, affermando che in base alle previsioni di legge l’individuazione del ramo è di esclusiva competenza del cedente e dell’acquirente.

Per parte nostra abbiamo comunque voluto rappresentare la “non condivisione” delle Organizzazioni sindacali per le scelte che hanno riguardato dipendenti in regime di distacco, nonché l’esclusione dal ramo ceduto di coloro che per mere ragioni amministrative erano assegnati in UBI a unità produttive “fittizie”: in particolare lavoratrici in maternità e “lungo-assenti”, per i quali abbiamo rivendicato soluzioni adeguate.

Nel complesso giudichiamo assai positiva l’intesa raggiunta, ritenendo che i criteri contenuti rappresentino un primo passo nella giusta direzione per l’incorporazione di UBI in ISP, nonché favorevoli linee guida per tutto il settore.

 

SOMMARIO

  • Tutela dei livelli occupazionali – Assunzioni correlate alle uscite
    • Uscite per esodo incentivato e assunzioni
  • Disciplina contrattuale applicabile
    • Salvaguardia dei trattamenti economici
  • Normativa BPER applicabile già dalla data del trasferimento
    • Inquadramenti
    • Banca del tempo
    • Smart working – Smart learning
  • Formazione
  • Mobilità territoriale
  • Part time
  • Previdenza complementare
    • TFR pregresso
  • Assistenza sanitaria integrativa
    • Assistenza sanitaria integrativa per Esodati/Pensionati
  • Premi aziendali – Sistema incentivante
    • Conto welfare
  • LECOIP ISP
  • Premio di fedeltà e/o anzianità ISP
  • Rapporti bancari
  • Circoli ricreativi
  • Ferie
  • Sospensione volontaria dell’attività lavorativa
  • Tutele
    • Bridge Banks
  • Maternità e lungo-assenti non inclusi nei rami d’azienda ceduti a BPER

 

Tutela dei livelli occupazionali – Assunzioni correlate alle uscite[1]

Come formalmente dichiarato da BPER “l’operazione di acquisizione non determina di per sé né esternalizzazione di personale né riduzione di personale”.

Sono pertanto salvaguardati i rapporti di lavoro interessati, nonché le opportunità e i percorsi di sviluppo professionale e di carriera.

Uscite per esodo incentivato e assunzioni[2]

Con riferimento all’accordo in tema di uscite e assunzioni sottoscritto in ISP il 29 settembre 2020, BPER darà corso ai relativi adempimenti nel rispetto delle condizioni, regole e modalità già concordate, nei confronti di coloro che abbiano presentato una domanda di esodo risultata valida.

Rispetto alle uscite che ne deriveranno sarà garantita una sostituzione con assunzioni a tempo indeterminato per un numero non inferiore al 50% delle uscite stesse. Le assunzioni verranno effettuate tenendo conto dei fabbisogni che si determineranno nei territori per effetto delle uscite.

Disciplina contrattuale applicabile[3]

Dalla data di cessione dei rami d’azienda il rapporto di lavoro del personale trasferito proseguirà senza soluzione di continuità con BPER con applicazione del CCNL del settore credito tempo per tempo vigente e di quanto stabilito dall’accordo 30 dicembre 2020.

L’accordo prevede il mantenimento dei trattamenti economici e normativi attualmente in capo al personale ceduto fino al 31 dicembre 2021, data entro la quale le Parti negozieranno un percorso di armonizzazione complessivo (che riguarderà pertanto tutta BPER).

Salvaguardia dei trattamenti economici[4]

La revisione che porterà all’armonizzazione contrattuale non interesserà i trattamenti economici che sono in ogni caso salvaguardati, senza limiti temporali.

Ciò varrà sia per quanto deriva da accordi e contratti collettivi, sia per gli assegni ad personam e per eventuali pattuizioni individuali (quali, per esempio, patti di non concorrenza e di prolungamento del preavviso per cui varranno i criteri di recesso comunicati a ciascun dipendente).

Nel caso di voci economiche soggette a variazione (perché correlate, per esempio, all’inquadramento attribuito, o in quanto da rivalutare in base agli aumenti di CCNL, ecc.) sono salvaguardati anche i criteri di incremento.

Rimangono inoltre garantite le contribuzioni a carico azienda relative alla previdenza complementare e all’assistenza sanitaria integrativa in essere all’atto della cessione, come specificato di seguito ai capitoli relativi.

Normativa BPER applicabile già dalla data del trasferimento

Inquadramenti[5]

Al personale di provenienza UBI e ISP sarà applicata, a partire dal trasferimento dei rami di aziende, la normativa in essere presso BPER in tema di inquadramenti.

I periodi pregressi svolti in mansioni equivalenti in UBI e in ISP non verranno immediatamente presi in considerazione, ma, al fine della loro valorizzazione, saranno oggetto di confronto nell’ambito dell’accordo di armonizzazione.

Al personale di provenienza ISP destinatario degli accordi in materia di ruoli e figure professionali – percorsi di sviluppo professionale, le previsioni che vi sono contenute continueranno a trovare applicazione fino alla data del 31 dicembre 2021 se migliorative rispetto ad analoghe previsioni BPER, a condizione che sia ricoperta una simile figura professionale.

Per quanto attiene gli automatismi economici o inquadramentali per anzianità (ivi compresa la complessiva regolamentazione in tema di fungibilità nell’ambito della terza area professionale prevista in ISP), BPER riconoscerà fino al 31 dicembre 2021 le previsioni in essere presso le aziende cedenti; successivamente a tale data gli automatismi saranno oggetto di confronto nell’ambito dell’accordo di armonizzazione.

Quanto ottenuto in tema di inquadramenti rappresenta per le lavoratrici e i lavoratori che ricoprono ruoli professionali oggetto di accordi, un risultato importante rispetto alla originaria impostazione aziendale che intendeva rinviare al percorso di armonizzazione l’applicazione delle intese di BPER.

La soluzione individuata fornisce una prima risposta al personale di UBI su cui gravava un “vuoto normativo” che ora viene in parte colmato. D’altra parte come ci eravamo prefissati salvaguarda i percorsi avviati in ISP, sempreché la contrattazione di BPER non offra previsioni di maggior favore, valorizzando i risultati ottenuti anche recentemente dalla contrattazione aziendale.

Banca del tempo[6]

La Banca del tempo sarà regolata in base all’accordo sindacale sottoscritto in BPER il 28.10.2020.

Smart working – Smart learning[7]

In tema di Smart working saranno applicate le previsioni del vigente CCNL.

Lo Smart learning sarà fruibile attraverso la piattaforma e le modalità operative esistenti in BPER.

Formazione[8]

Nel corso della trattativa BPER ha illustrato il piano di comunicazione, formazione e assistenza rivolto al personale trasferito, i cui elementi essenziali sono richiamati dall’accordo, che stabilisce inoltre che le attività di formazione/addestramento previste siano erogate durante l’orario di lavoro, valorizzando i possibili momenti di aula fisica o virtuale/presenza nel pieno rispetto delle misure di contrasto alla pandemia, misure individuate anche con il coinvolgimento di OO.SS. e RR.LL.SS.. In caso di formazione erogata a distanza (anche in relazione all’emergenza epidemiologica) sarà favorita la modalità in Smart learning.

Mobilità territoriale[9]

Con riferimento alla mobilità territoriale al personale trasferito saranno applicate fino a 31 dicembre 2021 le previsioni delle aziende cedenti.

Alle lavoratrici e ai lavoratori di BPER direttamente impattati dalla riorganizzazione derivante dalla cessione dei rami d’azienda e soggetti a mobilità territoriale, verranno applicati i trattamenti economici stabiliti dall’accordo relativo al Piano Industriale del Gruppo BPER (più favorevoli rispetto a quelli previsti in BPER per i casi di pendolarismo ordinario).

Successivamente i trattamenti di mobilità saranno oggetto del percorso di armonizzazione avente l’obiettivo di definire un impianto coerente per tutta la contrattazione di BPER.

Part time[10]

I Part time in essere conserveranno in BPER le condizioni pattuite, fatta salva la possibilità di una modifica dell’orario nella misura massima di 30 minuti in relazione all’orario di ingresso e/o uscita, esclusivamente nel caso in cui sia variato l’orario dell’unità produttiva di assegnazione o si sia assegnati ad altra filiale/ufficio.

La modifica dell’orario non potrà eccedere i 30 minuti – fino a scadenza del contratto a part time – anche nel caso di assegnazione a strutture dove sono previsti turni.

I rapporti di lavoro a tempo parziale in scadenza entro il 31.12.2021 saranno prorogati automaticamente di 24 mesi, salvo diversa richiesta della lavoratrice o del lavoratore, alle stesse condizioni previste dai contratti in essere, salvo eccezionali ragioni tecnico/organizzative/produttive.

Previdenza complementare[11]

Per tutto il 2021 viene salvaguardata la possibilità di mantenere l’iscrizione all’attuale Fondo pensione ricevendo la contribuzione aziendale nella misura prevista nell’azienda di provenienza (comprese eventuali dinamiche di variazione, che sono salvaguardate nel tempo).

Dal 2022 la contribuzione datoriale verrà garantita solo in caso di adesione a uno dei Fondi BPER (attualmente Arca e Previbank, ai quali sarà possibile aderire sin dalla cessione beneficiando del contributo datoriale).

I dipendenti trasferiti ad oggi non iscritti alla previdenza complementare potranno aderire sin dalla cessione a uno dei Fondi BPER con riconoscimento della contribuzione a carico azienda (quindi non dovranno attendere l’armonizzazione contrattuale).

TFR pregresso

I dipendenti trasferiti potranno conferire al Fondo pensione il TFR maturato fino al 31.12.2006 rimasto in azienda[12].

Assistenza sanitaria integrativa[13]

Per il 2021 sono confermate le attuali coperture delle aziende di provenienza:

  • Per il personale di provenienza UBI: Polizza Cargeas (c.d. “Polizzone”) – Fondo Assistenza Gruppo UBI – Assistenza Sanitaria Banca delle Marche
  • Per il personale di provenienza ISP: Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo ISP

Dal 1° gennaio 2022, fermo restando l’impegno a garantire una adeguata copertura sanitaria, nel caso in cui la contribuzione a carico dell’azienda risultasse inferiore a quella prevista nel 2020, la differenza verrà devoluta alle posizioni di welfare (previdenza e/o assistenza) di ciascun lavoratore/trice. Gli eventuali differenziali negativi non graveranno direttamente sulle singole posizioni, ma saranno considerati nel più ampio accordo di armonizzazione.

In caso di personale che risultasse privo di forme di assistenza sanitaria integrativa, l’azienda si impegna a concordare con le OO.SS di BPER soluzioni adeguate a far data dal 1° gennaio 2022.

Assistenza sanitaria integrativa per Esodati/Pensionati

A coloro che accederanno all’esodo in virtù dell’accordo 29.09.2020, fino al mese precedente al percepimento della pensione sarà garantita:

  • per il personale già iscritto al Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa Sanpaolo, l’iscrizione al Fondo stesso in essere tempo per tempo per il personale in servizio;
  • per il personale dell’ex Gruppo UBI la copertura di assistenza sanitaria in essere tempo per tempo per il personale in servizio della medesima società di appartenenza e/o medesima provenienza alle stesse condizioni di contribuzione (sia per la parte a carico del dipendente sia per la parte a carico dell’azienda).

Premi aziendali – Sistema incentivante[14]

Ove spettanti il Premio aziendale UBI e il Premio Variabile di Risultato (PVR) ISP per il 2020 saranno gestiti operativamente da BPER, con possibilità di fruire dei trattamenti welfare sulla piattaforma aziendale BPER.

La stessa piattaforma accoglierà eventuali spettanze relative ai Sistemi incentivanti applicati per il 2020 (tra cui, per esempio, Olympiqs per UBI e Premio SET per ISP).

L’eventuale credito welfare residuo di pertinenza dei dipendenti provenienti da UBI, già maturato e non ancora fruito alla data della cessione, verrà trasferito e gestito da BPER.

Eventuali giornate di permesso derivanti dall’accordo sul Premio aziendale di UBI non ancora fruite alla data della cessione saranno monetizzate.

Per il 2021 il riconoscimento del Premio aziendale UBI, del PVR ISP e degli eventuali Sistemi incentivanti terrà conto del periodo di permanenza nelle aziende di provenienza (che comunicheranno a BPER i relativi importi).

Conto welfare[15]

Nei confronti del personale trasferito da UBI verranno mantenute le previsioni relative al c.d. “Conto welfare”: gli importi saranno resi disponibili mediante apposita piattaforma informatica presente in BPER.

LECOIP ISP[16]

Le quote individuali spettanti a coloro che abbiano aderito al piano LECOIP 2.0 saranno riconosciute al termine del Piano di incentivazione (salvo che sia risolto il rapporto di lavoro, trovando applicazione, in tal caso, la disciplina ordinaria del Piano).

Premio di fedeltà e/o anzianità ISP[17]

Intesa Sanpaolo liquiderà, con l’ultima mensilità utile, i ratei relativi ai Premi di anzianità maturati sino al giorno precedente la data di efficacia giuridica del trasferimento.

Si ricorda che nell’ex Gruppo UBI i Premi di fedeltà sono già stati tutti riconosciuti agli aventi diritto nel mese di giugno 2018 sulla base dei criteri definiti dall’accordo 27.01.2018.

Rapporti bancari[18]

Ai rapporti bancari già in essere e trasferiti con il ramo d’azienda che siano in capo a personale ceduto, continueranno in generale a essere applicate le condizioni economiche agevolate, previste presso le aziende di provenienza, fatto salvo il merito creditizio. Nell’eventualità che successivamente venisse meno la possibilità di mantenere la concessione creditizia, BPER ricercherà una soluzione che tenga conto delle esigenze del dipendente e della sua capacità di reddito.

Qualora le condizioni derivanti dalle aziende di provenienza si rivelassero per alcune colleghe/i meno vantaggiose di quelle previste in BPER, i dipendenti previa richiesta scritta potranno usufruire, in luogo di quelle in essere, delle condizioni di BPER anche su finanziamenti stipulati in precedenza al trasferimento[19].

I rapporti bancari riferiti agli attuali Esodati/Pensionati UBI e ISP che verranno trasferiti con il ramo d’azienda, migreranno alle condizioni in essere alla data del trasferimento, salvo specifiche condizioni che saranno comunicate nel rispetto della normativa vigente.

Ai nuovi rapporti attivati successivamente alla cessione sarà applicato quanto previsto in materia presso BPER.

Rispetto alla eventualità che i rapporti si trovino presso una filiale diversa dalla unità produttiva di assegnazione del dipendente, la soluzione ad oggi prospettata (che deve ancora essere approvata dall’Antitrust a cui è stata sottoposta) è quella secondo cui i rapporti seguirebbero comunque il lavoratore/trice.

Circoli ricreativi[20]

Nei confronti del personale trasferito è mantenuta sino al 31 dicembre 2021 l’iscrizione ai rispettivi Circoli ricreativi di provenienza alle medesime condizioni di contribuzione datoriale e individuale.

Ferie[21]

BPER subentrerà in tutte le posizioni sia a debito che a credito in materia di ferie, banca ore, festività soppresse, permessi ex CCNL ed eventuali riposi compensativi.

Nel caso in cui alla data della cessione le ferie fossero già state pianificate, la fruizione avverrà nei tempi previsti nell’ambito di tale programmazione.

Nei confronti del personale trasferito proveniente da ISP, con riferimento alle 6 giornate di ferie aggiuntive (riferimento lettera 11 giugno 2020), la monetizzazione dei giorni non fruiti avverrà (per massimo 3 giorni) entro la data di cessione.

Sospensione volontaria dell’attività lavorativa[22]

Nei confronti di tutto il personale (sia di provenienza UBI che ISP) troverà applicazione per il 2021 l’accordo ISP sulla sospensione volontaria dell’attività lavorativa (giornate di solidarietà remunerate al 35%).

A beneficio delle lavoratrici e dei lavoratori di UBI che in passato avevano accesso alla misura dei congedi straordinari (avente caratteristiche in parte diverse), precisiamo che in ISP la gestione delle giornate di sospensione volontaria avviene nell’ambito del processo di pianificazione delle ferie mediante la piattaforma “People”, la quale per UBI ha però al momento funzionalità limitate: sono in fase di definizione modalità alternative che consentano a colleghe/i di UBI la fruizione di tali giornate.

Tutele[23]

In relazione a eventi correlati ad attività svolte nel periodo dell’armonizzazione e per i 12 mesi successivi, BPER terrà conto delle eventuali criticità nell’ambito del processo di valutazione e con l’obiettivo di tutelare le lavoratrici e i lavoratori da rischi patrimoniali e/o disciplinari.

Bridge Banks[24]

Nei confronti del personale di UBI proveniente dalle c.d. Bridge Banks, già coinvolto alla data del trasferimento in azioni legali, proseguiranno le coperture (di cui ai lavori della Commissione Tecnica “Prestazione dei servizi e delle attività di investimento relativi alla sottoscrizione o al collocamento dei strumenti finanziari subordinati ricadute/tutele sui dipendenti delle Nuove Banche” 20 giugno – 19 luglio 2016) delle relative spese legali, anche ai sensi delle previsioni del CCNL vigente.

BPER ha confermato altresì che di norma non agirà disciplinarmente ovvero in via risarcitoria nei confronti di tali dipendenti salvo i casi di dolo o colpa grave.

Maternità e lungo-assenti non inclusi nei rami d’azienda ceduti a BPER[25]

ISP si è impegnata a porre particolare attenzione gestionale nella definizione delle assegnazioni del personale assente per maternità o agli assenti di lungo-periodo non trasferiti a BPER in relazione all’assegnazione amministrativa adottata presso UBI.

__________________________________

[1] VERBALE DI ACCORDO TRASFERIMENTO DI RAMI DI AZIENDE DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO A BPER BANCA – 30 dicembre 2020 – Premesse

[2] Punto 6) lettere k) l)

[3] Punto 2) – Premesse

[4] Punto 3)

[5] Punto 6) lettera b)

[6] Punto 6) lettera d)

[7] Punto 6) lettera a)

[8] Punto 5)

[9] Punto 6) lettera n)

[10] Punto 3 ter)

[11] Punto 6) lettera g)

[12] Riguardo al TFR accumulato in anni successivi al 1° gennaio 2007 e versato al Fondo di Tesoreria gestito dall’INPS, l’INPS ha escluso la possibilità di trasferimento al Fondo di previdenza complementare al quale il dipendente si è iscritto (messaggio INPS n. 413/2020).

[13] Punto 6) lettera h)

[14] Punto 6) lettera e)

[15] Punto 3 bis)

[16] Punto 6) lettera f)

[17] Punto 6) lettera c)

[18] Punto 6) lettera j)

[19] Lettera di BPER 30 dicembre 2020

[20] Punto 6) lettera i)

[21] Punto 4)

[22] VERBALE DI ACCORDO TRASFERIMENTO DI RAMI DI AZIENDE DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO A BPER BANCA – 30 dicembre 2020 Punto 6) lettera d)

VERBALE DI ACCORDO CONCILIAZIONE 30 dicembre 2020

[23] Punto 5 bis)

[24] Lettera di BPER 30 dicembre 2020

[25] DICHIARAZIONE DI ISP

QUI L’APPROFONDIMENTO IN PDF

AGGIORNAMENTO GUIDA FERIE, EX FESTIVITÀ, FESTIVITÀ CIVILI CADENTI DI DOMENICA E PERMESSO FRAZIONATO (PCR)

Il nostro Esperto Luca Stella ha aggiornato la GUIDA ALLE FERIE, EX FESTIVITÀ, FESTIVITÀ CIVILI CADENTI DI DOMENICA E PERMESSO FRAZIONATO (PCR).

Come sempre le parti variate sono evidenziate in giallo in questo modo e Luca è a vostra disposizione per chiarimenti e consulenze.

Vi ricordiamo che potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovi tutti i loro riferimenti).

 

SOSPENSIONE VOLONTARIA 2021: ATTIVA LA PROCEDURA PER L’ADESIONE ALLE GIORNATE DI SVL

Da oggi è attiva, in Intesap – funzionalità “Piano Ferie”, la procedura per aderire alle giornate di sospensione volontaria.

Anche per il 2021 sarà possibile richiedere le giornate di Sospensione volontaria dell’attività lavorativa, se sono già stati esauriti i giorni e le ore di ferie degli anni precedenti.
Specifichiamo che dal giorno successivo a quello di adesione a SVL si potranno inserire le giornate desiderate tramite la Segreteria Online.

La fruizione potrà avvenire nel limite massimo di 20 giorni, compatibilmente con le esigenze tecniche, organizzative e produttive del proprio ufficio e potrà essere effettuata nel corso dell’intero 2021.

Si ricorda che la sospensione volontaria:
– non deve in alcun caso essere utilizzata nel corso del mese che precede la cessazione del rapporto di lavoro, al fine di tutelare i colleghi dai possibili effetti correlati alla previdenza complementare ed a quella obbligatoria;

– qualora dovesse essere fruita in una delle date che danno diritto alla maturazione dei permessi “ex festività” (per l’anno 2021 sono: 19 marzo, 13 maggio Ascensione, 3 giugno Corpus Domini, 29 giugno, 4 novembre), la spettanza dell’“ex festività” verrà correlativamente ridotta. E’ quindi consigliabile non pianificare le giornate di sospensione volontaria in corrispondenza di tali date.

In caso di richieste di informazioni o per eventuale supporto è possibile accedere a #People e aprire una richiesta su “Assistenza” -> “Assistenza HR” alla categoria Gestione Presenze Assenze – Pianificazione Ferie.

Vi ricordiamo che per approfondire la materia potete consultare anche la nostra Guida SOSPENSIONE VOLONTARIA DELL’ATTIVITÀ LAVORATIVA e che potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti).

 

 

Da gennaio la seconda tranche degli aumenti CCNL

Dal 1° gennaio 2021 entra in vigore la 2ª delle tre tranche di aumenti previste dall’accordo di rinnovo del CCNL 19 dicembre 2019.

Nella tabella che segue riportiamo, per i diversi livelli di inquadramento il valore dell’aumento a valere sulla busta paga di gennaio (seconda tranche):

Inquadramento Aumento mensile dal 1° gennaio 2021
QD 4° 94,06
QD 3° 81,73
QD 2° 77,58
QD 1° 73,94
3ª A. 4° L. 70,00
3ª A. 3° L. 60,39
3ª A. 2° L. 57,05
3ª A. 1° L. 54,13
Ex 1ª A.- 2ª A. 48,94

 

Qui di seguito vi riportiamo invece gli importi delle voci tabellari (stipendio, scatti, ex ristrutturazione sempre a valere dalla busta paga di  gennaio 2021:

INQUADRAMENTO STIPENDIO SCATTI DI ANZIANITÀ IMPORTO EX RISTRUTT. TABELLARE
Q D – 4° livello 4.521,81 95,31 14,30
Q D – 3° livello 3.842,31 95,31 14,30
Q D – 2° livello 3.439,05 41,55 7,99
Q D – 1° livello 3.241,48 41,55 7,99
3a area – 4° livello 2.866,90 41,55 7,99
3a area – 3° livello 2.649,69 41,55 7,99
3a area – 2° livello 2.503,28 41,55 7,99
3a area – 1° livello 2.375,04 41,55 7,99
Ex 2a e 1a area 2.147,34 29,07 5,59

 

Per tutti gli approfondimenti potete consultare la nostra Guida alla BUSTA PAGA e vi ricordiamo i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti) sono a vostra disposizione per ogni chiarimento.

.

Auguri… congiunti!

Dal punto di vista delle cose che succedono in azienda, il 2021 sarà soprattutto l’anno dell’integrazione ISP UBI. Integrazione operativa e contrattuale: un doppio impegno di enorme portata. Un assaggio l’abbiamo avuto con il recentissimo accordo di cessione del ramo d’azienda a BPER. Accordo che nella sua ampiezza e qualità ha sicuramente segnato il primo passo nella giusta direzione. Ma il grosso del lavoro resta ancora da fare.

E quindi, tra i brindisi di stasera che non abbiamo trovato, ma a cui vogliamo bere lo stesso c’è anche questo: buon lavoro a tutti noi per una grande integrazione ISP UBI!

COVID-19. Disposizioni generali e per situazioni di fragilità, disabilità e gravidanza

Come preannunciato ieri, sono state prorogate le disposizioni a tutela del personale con situazioni di fragilità, disabilità e gravidanza.

Come al solito, allo scopo di darne la massima diffusione, riportiamo la comunicazione aziendale.

< Dalla Direzione Centrale Tutela Aziendale >

Aggiornamento 31 dicembre 2020

Facendo seguito alle comunicazioni di pari oggetto del 3 e 9 novembre scorsi, contenenti Disposizioni generali e per situazioni di fragilità, disabilità, i termini ivi previsti del 31.12.2020 sono prorogati al 28.02.2021 in conformità  a quanto definito dalla legge di Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021.

Pertanto coloro che hanno già inoltrato la documentazione necessaria per condizioni di fragilità o disabilità grave per ottenere il riconoscimento della misura protettiva del Lavoro Flessibile da casa (ovvero, qualora non fosse possibile, il permesso retribuito per astensione cautelativa) continueranno a fruire di tali misure fino al 28 febbraio .2021 senza necessità di alcun altro adempimento

Coloro che, trovandosi nelle condizioni di fragilità o disabilità, non avessero prodotto ancora la documentazione prevista dalle disposizioni del 3 e 9 novembre scorsi dovranno inviarla al Gestore del Personale di riferimento (che ne darà comunicazione al Responsabile del collega interessato/sottoponente la richiesta). Tale documentazione dovrà essere costituita unicamente da un documento a firma del Medico di Medicina Generale/medico di base o da medico del Sistema Sanitario Pubblico attestante la presenza di almeno una delle condizione di rischio (immunodepressione, esiti da patologie oncologiche o svolgimento di relative terapie salvavita) senza alcuna indicazione della diagnosi e senza alcun altro documento sanitario di dettaglio (qualora fosse inviato sarà cancellato/distrutto e non esaminato) oppure documento attestante il riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

La stessa documentazione dovrà essere prodotta e trasmessa al Gestore del Personale di riferimento (che ne darà comunicazione al Responsabile del collega interessato/sottoponente la richiesta) da coloro che vogliono richiedere la misura protettiva del Lavoro Flessibile da casa (ovvero, qualora non fosse possibile del permesso retribuito per astensione cautelativa) fino al 28 febbraio .2021 in quanto un familiare convivente versa in una condizione di rischio per immunodepressione, esiti da patologie oncologiche o svolgimento di relative terapie salvavita nonché abbia un  riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Si sottolinea anche in questo caso che non dovrà essere indicata alcuna diagnosi medica e non dovrà essere allegata alcuna documentazione sanitaria di dettaglio (qualora fosse inviata sarà cancellata/distrutta e non esaminata).

Per schema di riferimento si allega un facsimile da far compilare e sottoscrivere al medico di base.

Qualora il collega non sia in possesso delle certificazioni/attestazioni e non presenti richiesta di visita al medico competente rientrerà in servizio, secondo le modalità e i termini previsti per l’unità organizzativa di appartenenza sentito il proprio responsabile.

colleghi non ricompresi nelle fattispecie sopra indicate  e che ritengano comunque di avere condizioni di salute che potrebbero determinare, in caso di infezione, un esito più grave, in conformità all’Ordinanza del Ministero della Salute, possono avanzare richiesta di visita al medico competente all’indirizzo medicinadellavoro@intesasanpaolo.com, utilizzando lo specifico modulo disponibile in allegato e nella sezione Intranet COVID-19 > “Per tutti”.

Per questi colleghi verrà attivato lo strumento della Sorveglianza Sanitaria Eccezionale, prevista dall’art. 83 del D.L. 34 del 19/5/2020’: riceveranno pertanto dalla casella di posta medicinadellavoro@intesasanpaolo.com la notifica della data in cui verranno contattati (telefonicamente o via skipe) dal medico competente, entro quella data dovranno inviare via mail al medico indicato, tutta la documentazione sanitaria ritenuta utile per la valutazione. Al termine del colloquio, il Medico Competente rilascerà una dichiarazione riportante l’idoneità a riprendere servizio o a proseguire l’attività in smart working, con o senza eventuali prescrizioni. Qualora il medico competente lo ritenesse necessario, potrà comunque richiedere di visitare il collega in presenza.

Qualora il collega interessato non richieda la visita medica rientrerà in servizio, secondo le modalità e i termini previsti per l’unità organizzativa di appartenenza, sentito il proprio responsabile.

DISPOSIZIONI PARTICOLARI RELATIVE ALLE DIPENDENTI IN STATO DI GRAVIDANZA/ALLATTAMENTO

Le dipendenti in stato di gravidanza fino al settimo mese di vita del bambino (o fino al 12 mese nel caso di fruizione di permessi per allattamento) che hanno comunicato tale circostanza all’Azienda e che non si trovano nelle condizioni di fruire dei permessi/congedi previsti dal D. Lgs.151/2001, fino a diversa comunicazione, svolgono la loro attività in modalità Lavoro Flessibile da casa. Le dipendenti che si trovano in tale condizione e che al momento stanno operando nei locali aziendali, devono contattare il Gestore del Personale di riferimento affinché venga attivata l’astensione cautelativa salvo lavoro flessibile da casa (al netto dei permessi ex D.lgs. 151/2001).

qui il Facsimile da far compilare e sottoscrivere al medico di base

Siglato accordo sulla cessione dei rami di azienda ISP e UBI a BPER

Nelle primissime ore di oggi è stato siglato l’accordo per la cessione di 5.107 lavoratori provenienti da UBI e da ISP a BPER. Si tratta di un’intesa che è rilevante, in termini di dimensioni, perimetro e riflessi occupazionali, per l’intero settore bancario, e soprattutto per le sue immediate prospettive di consolidamento e sviluppo, e che ha impegnato le Parti ad un confronto difficile e serrato, persino aspro, ma alla fine fruttuoso.

L’accordo prevede garanzie e tutele economiche e professionali, attraverso una normativa che:

  1. consolida diritti individuali (retributivi e no);
  2. mette in sicurezza temporanea i diritti collettivi garantiti dagli accordi delle banche di provenienza;
  3. individua tempi e modalità per armonizzare la contrattazione di secondo livello in BPER che, per effetto della incorporazione del personale ceduto, consentirà di acquisire ulteriori diritti e garanzie economiche.

In particolare, in ambito BPER, nel corso del 2021 saranno negoziati con le OO.SS. aziendali accordi su ulteriori temi, tipici della contrattazione integrativa, quali: inquadramenti, permessi, buoni pasto, ecc. Quello sottoscritto oggi può definirsi “accordo ponte”, poiché consente il passaggio dalle attuali normative aziendali ISP e UBI al contratto aziendale BPER in fase di successiva e progressiva contrattazione.

Nel prendere atto della definizione dei “rami d’azienda”, abbiamo contestato l’esclusione -dai rami oggetto della cessione- di personale assegnato amministrativamente ad altre strutture, nonché l’inserimento di lavoratori appartenenti a UBIS ma distaccati presso le filiali cedute.

Abbiamo ottenuto inoltre la conferma da BPER che l’operazione non determina né riduzioni né esternalizzazioni di personale.

L’accordo prevede in particolare:

  • mantenimento e consolidamento, in via definitiva, di tutte le voci di retribuzione presenti in busta paga e dei livelli di contribuzione aziendale ai Fondi pensione e ai Fondi Sanitari di provenienza del personale ceduto;
  • salvaguardia dei part time in essere fino alla scadenza prevista, con mantenimento dell’orario di lavoro e della durata. I part time in scadenza nel 2021 saranno rinnovati per 2 anni;
  • corresponsione del premi variabili (Premi aziendali – Premio Variabile di Risultato) al personale ceduto sulla base degli accordi delle aziende di provenienza per il 2020;
  • trasferimento alle modalità operative di BPER del credito welfare residuo compreso il riconoscimento degli importi eventualmente spettanti a titolo di sistemi incentivanti (tra cui, ad esempio Olympics e Premio SET);
  • riconoscimento “pro-quota” per il 2021 di premio aziendale, PVR e degli eventuali sistemi incentivanti delle rispettive aziende;
  • mantenimento dell’iscrizione ai Fondi pensione e ai Fondi sanitari di provenienza per tutto il 2021;
  • dal 2022 adesione alle forme di assistenza e previdenza previste in BPER, salvaguardando la contribuzione aziendale di provenienza, che sarà riconosciuta, negli eventuali differenziali positivi, direttamente in capo alle posizioni individuali delle Lavoratrici e dei Lavoratori interessati;
  • i rapporti di cc, fidi, prestiti e mutui preesistenti e ancora in essere transiteranno in BPER in continuità alle attuali condizioni, fatto salvo il merito creditizio. Ai nuovi rapporti saranno invece applicate, dalla data della cessione a BPER, le condizioni di agevolazione previste in BPER;
  • per tutto il 2021 rimarranno in vigore le attuali previsioni ISP e UBI relative al contratto di secondo livello (permessi, turni, reperibilità, ruoli, ticket, ecc.);
  • per il personale proveniente da ISP è sancita la salvaguardia dei percorsi professionali in essere per il 2021, se migliorativi delle analoghe previsioni vigenti in BPER, e l’inserimento immediato nei ruoli e percorsi professionali di BPER per il personale proveniente da UBI e per il personale proveniente da ISP non “in percorso”. Gli automatismi economici e inquadramentali di ISP saranno mantenuti sino al 31 dicembre 2021, successivamente saranno oggetto di contrattazione nell’accordo di armonizzazione.
  • Abbiamo ottenuto da ISP una dichiarazione in cui l’azienda si impegna a porre particolare attenzione nelle assegnazioni delle colleghe in maternità e del personale lungo assente che non è stato ricompreso nel “ramo” ceduto.
  • Verranno garantiti percorsi formativi per il consolidamento e lo sviluppo delle competenze professionali maturate e per l’acquisizione di nuove conoscenze.
  • Verranno mantenute sino alla scadenza dell’accordo le regole vigenti in tema di mobilità territoriale nell’azienda di provenienza. Per il personale di BPER soggetto a mobilità territoriale direttamente impattato dalla riorganizzazione saranno applicati i trattamenti di mobilità straordinaria previsti dall’accordo 29.10.2019 – Piano Industriale Gruppo BPER; inoltre c’è l’impegno dell’azienda a valutare eventuali modalità di intervento in presenza di situazioni di disagio di organico/organizzativo nelle strutture di provenienza degli “allineatori”;
  • per tutto il personale, in relazione ad eventi correlati ad attività svolte nel periodo dell’armonizzazione e per i 12 mesi successivi, BPER terrà conto delle eventuali disfunzioni organizzative, delle modalità operative/normative differenti, delle necessità formative, di episodi e/o situazioni problematiche che coinvolgano le/i colleghe/i. Tutto ciò al fine di salvaguardare le lavoratrici e i lavoratori e con l’obiettivo di tutelare gli stessi da rischi patrimoniali e/o disciplinari.
  • L’accordo prevede inoltre un importantissimo impegno di BPER non solo alla salvaguardia occupazionale del personale ceduto, ma anche alle nuove assunzioni: si tratta di un numero di risorse pari almeno al 50% delle Colleghe e dei Colleghi che usciranno per esodo/pensione.

Indichiamo per ultimo un tema che è stato particolarmente a cuore del tavolo sindacale unitario, e che ha visto impegnato in un clima di grande coesione Segreterie Nazionali e Delegazioni aziendali/di Gruppo: le tutele professionali. Abbiamo rivendicato e ottenuto certezza e stabilità di tutele, già garantite dalle Aziende di provenienza, anche da parte di BPER per le Lavoratrici e i Lavoratori acquisiti. Esse riguardano sia le delicate problematiche delle responsabilità penali, civili e disciplinari relative a vicende pregresse, sia le responsabilità giuridiche che potranno registrarsi nella fase successiva al passaggio in BPER.

Le Organizzazioni Sindacali hanno voluto richiamare all’interno dell’accordo la necessità di valorizzare i contenuti espressi nell’accordo nazionale e in quelli ISP/UBI/BPER sulle politiche commerciali.

In concomitanza con l’accordo sulla cessione di ramo d’azienda è stato sottoscritto un ulteriore accordo che riconosce alle/ai colleghe/i provenienti dal Gruppo UBI quanto previsto dal contratto di secondo livello di ISP “Conciliazione tempi di vita tempi di lavoro” in materia di: “Banca del tempo” e “Sospensione volontaria attività lavorativa”.

Come OO.SS. riteniamo si tratti di un accordo indubbiamente positivo, che offre garanzie e tutele a tutte le/i lavoratrici/tori e traccia un percorso per l’armonizzazione futura, consentendoci di negoziare in serenità i trattamenti normativi collettivi nella nuova azienda, con un occhio rivolto all’occupazione e al radicamento delle filiali nei territori.

In una situazione di preoccupazione generale per l’intera popolazione, durante la quale le lavoratrici e i lavoratori bancari si sono adoperati con spirito di servizio per risolvere tutte le problematiche di una clientela frastornata dagli eventi, resa ancora più complicata da un operazione societaria di sviluppo -unica nel settore e che da anni non si vedeva- l’aver concretizzato un accordo che allevia, almeno in parte, le preoccupazioni delle lavoratrici e dei lavoratori crediamo possa rappresentare un presidio valido per superare le ulteriori difficoltà di integrazione.
Auguriamo a tutti un 2021 sereno, in cui siano al più presto soddisfatte le aspettative di un ritorno a condizioni di vita normali e a una socialità piena e appagante.

qui il documento delle Segreterie nazionali in pdf

X