Archivio News Principali

Finalmente al via il Pacchetto giovani

Il Pacchetto giovani è uno dei punti qualificanti dell’accordo di Integrazione con UBI, perché rappresenta un riconoscimento per i giovani e conseguentemente per i redditi bassi, esteso, grazie alla nostra determinazione, anche ai contratti misti e a coloro che sono stati assunti antecedentemente al 29 settembre 2020.

Il Pacchetto Giovani prevede un incremento della Contribuzione Previdenziale, e il riconoscimento di un Bonus nel caso di acquisto della Prima casa e della nascita di Figli.

L’incremento della contribuzione è riconosciuto senza necessità di specifica richiesta.

Da oggi invece, è possibile inserire in #PEOPLE le richieste dei bonus fornendo la seguente documentazione:

  • Bonus casa: atto di rogito e autocertificazione di cambio di residenza,
  • Bonus figli: atto di nascita o di adozione o in alternativa apposita autocertificazione.

Per tutti i dettagli tecnici sulle condizioni che danno diritto alle condizioni del Pacchetto Giovani, consultate la nostra Guida specifica.

.

LE NOSTRE RICHIESTE SULLE COMPLESSITA’  – AVVIO INTEGRAZIONE FONDI UBI

Nel corso dell’incontro odierno abbiamo chiesto chiarimenti e presentato delle richieste in merito alla recente comunicazione delle complessità riferite a 14.000 gestori, calcolate con i nuovi criteri.

Abbiamo rilevato numerosi casi di riduzione di complessità che hanno comportato interruzioni/blocchi di percorsi professionali, il venir meno di indennità e i conseguenti conguagli negativi in busta paga.

Il tutto con una comunicazione tardiva della complessità rispetto alla decorrenza e senza indicazione dei pesi singoli degli indicatori che stanno alla base (TETI, Formazione, Valutazione e Servizi alla Clientela). L’Azienda ha evidenziato che sono ancora in corso i calcoli per i consolidamenti e che una valutazione puntuale si potrà fare solo a conclusione della complessiva applicazione dell’accordo, i cui termini sono stati ritardati anche a causa dell’integrazione UBI.

In relazione alla situazione che si è venuta a creare abbiamo richiesto che l’Azienda attivi un meccanismo di salvaguardia a tutela dei colleghi penalizzati da un’applicazione tardiva e poco chiara della normativa che ha portato addirittura alla mancata valorizzazione di alcuni indicatori: es. TETI.

Abbiamo pertanto proposto una moratoria dei conguagli e una decorrenza della nuova complessità che permetta il consolidamento, anche tenendo conto dei 4 mesi di anticipo previsti dall’accordo 14 aprile u.s.

L’Azienda nel confermare l’applicazione dei contenuti dell’accordo, si è dichiarata disponibile, in conformità alle a fronte della nostra richiesta, a una complessiva verifica dell’impianto dopo la pausa estiva.

In questi giorni saranno comunicati su People 987 consolidamenti in sospeso, già maturati nel 2020, mentre i consolidamenti in maturazione nel 2021 saranno oggetto di un prossimo esame.

*******

Sempre nel corso della riunione odierna, facendo seguito ai Lavori della Commissione Tecnica istituita tra le Parti, è stato esaminato un percorso di integrazione dei Fondi ex UBI nel Fondo Pensione  ISP attraverso un Accordo Quadro e un successivo Accordo attuativo per ciascun Fondo, in modo tale da tener conto delle singole specificità.

Obiettivo degli Accordi è assicurare continuità nella Previdenza Complementare dei colleghi ex UBI, salvaguardando le previste prestazioni accessorie e realizzando dal 1° gennaio 2022 il trasferimento delle posizioni individuali degli iscritti nel Fondo di Gruppo, nel rispetto delle previsioni statutarie di ciascun Fondo.

qui il comunicato in pdf

COVID-19. Disposizioni per situazioni di fragilità e disabilità: proroga del termine al 31/10/2021

Con riferimento alla disposizione pubblicata lo scorso 28 giugno, per coloro che si trovano in situazione di fragilità o disabilità grave, si segnala che l’art. 9 del Decreto Legge n. 105 del 23/07/2021 prevede lo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità smart fino al 31/10/2021, per i lavoratori qualificati come fragili ai sensi del comma 2 dell’art. 26 del D.L. 17 marzo 2020 n. 18 (lavoratori dipendenti pubblici e privati in possesso di certificazione rilasciata dai competenti organi medico-legali, attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione o da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita, ivi inclusi i lavoratori in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104).

Tale disposizione si applica anche:

– ai colleghi che assistono familiari conviventi che si trovano in situazioni di fragilità o disabilità grave ai sensi del predetto comma 2,
– ai colleghi che hanno ricevuto la certificazione di sorveglianza sanitaria eccezionale con prescrizione di lavoro flessibile da casa fino al 31/7.

.

News del cedolino di luglio 2021

Qui di seguito un estratto delle principali novità inserite nella busta paga di luglio. Nel ricordarvi che per tutte le questioni relative alla busta paga potete consultare la nostra Guida alla BUSTA PAGA, vi precisiamo anche che in coda alle varie voci trovate il rimando alla nostre guide specifiche, e comunque i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovi tutti i loro riferimenti) sono a tua disposizione per ogni chiarimento.

 

Aree Professionali e Quadri Direttivi con CCNL Credito

  1. Premio Variabile di Risultato 2020 (PVR)

Con il cedolino di luglio 2021 si è provveduto a gestire le voci relative al Premio Variabile di Risultato (PVR), con la seguente modalità:

  • voce 6VU6: liquidazione delle somme relative alle richieste di rimborso spese presentate in Conto Sociale;
  • voce 2PVP: importo del PVR destinato inizialmente a Conto Sociale e per il quale successivamente è stata richiesta la destinazione a previdenza complementare;
  • voce 2PVL: importo del PVR destinato inizialmente a Conto Sociale e per il quale successivamente è stata richiesta la liquidazione in cedolino;
  • voce 2PVS: storno dell’importo inizialmente destinato al Conto Sociale, e successivamente indirizzato ad una scelta diversa.

L’assoggettamento fiscale del premio PVR liquidato (voce 2PVL), è visibile nella parte bassa del cedolino, sezione fiscale, casella Imp.10%: imponibile soggetto ad imposta sostitutiva Irpef 10% fino a € 3.000,00 per tutti coloro che hanno percepito nell’anno precedente un reddito di lavoro dipendente, comprensivo dei premi di risultato assoggettati ad imposta sostitutiva, non superiore a 80mila euro (art. 1, c. 160 L. 11 dicembre 2016, n. 232 Legge di bilancio 2017). Per l’anno 2021, il limite di € 3.000,00 lordi è comprensivo dell’eventuale importo residuo non utilizzato del Conto Sociale dello scorso anno che è stato liquidato con il cedolino di febbraio 2021.

Per questa tipologia di dipendenti, ovvero titolari di reddito di lavoro dipendente di importo non superiore a 80.000 euro nell’anno precedente a quello di percezione delle somme, che hanno scelto la liquidazione del PVR in cedolino, sono stati accreditati i contributi INPS pari a 9,19% calcolati su una quota premio fino a 800 euro, in applicazione alla Circolare Inps nr. 104 del 18-10-2018 in tema di decontribuzione, visibili con la voce 93A1.

Per approfondire le questioni relative al PVR potete consultare la nostra guida dedicata.

 

  1. Liquidazione delle imposte a credito o a debito risultanti da Modello 730

Nel cedolino di luglio sono presenti gli importi a debito o credito relativi alle imposte calcolate sulla dichiarazione dei redditi modello 730/2021 come da prospetto di liquidazione 730/4.

Nel caso di liquidazione imposte con importi a debito:

  • se la retribuzione di luglio non è sufficiente per trattenere l’importo dovuto (1° rata o in unica soluzione), la parte residua sarà trattenuta dalla retribuzione erogata nel mese successivo e, in presenza di ulteriore incapienza, dalle retribuzioni dei successivi mesi del 2021 con l’applicazione dell’interesse dello 0,40% mensile, trattenuto anch’esso dalla retribuzione e versato in aggiunta alle somme cui afferisce.
  • Per i colleghi che hanno scelto di rateizzare, se l’importo a debito è originato dalla contemporanea presenza di importi a credito ed a debito, nel cedolino sono presenti le voci dei tributi in modalità tale che la somma algebrica delle voci stesse sia uguale, mese per mese, all’importo della rata. Le operazioni di liquidazione proseguiranno anche nei prossimi mesi e fino alla chiusura degli stipendi di dicembre.

Le dichiarazioni oggetto di liquidazione sono quelle presentate tramite CAF, professionisti abilitati o direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate utilizzando il modello precompilato, pervenute al Datore di Lavoro tramite l’Agenzia delle Entrate entro il 15/07/2021.

Fanno eccezione le dichiarazioni:

  • con modifiche rispetto alla dichiarazione precompilata che incidono sulla determinazione del reddito o dell’imposta e che presentano elementi di incoerenza rispetto ai criteri pubblicati con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate;
  • che determinano un rimborso di importo superiore a 4.000 euro.

Per questa tipologia di dichiarazioni l’Agenzia delle Entrate può effettuare controlli preventivi, in via automatizzata o mediante verifica della documentazione giustificativa, entro quattro mesi dal termine previsto per la trasmissione della dichiarazione ovvero dalla data della trasmissione, se questa è successiva a detto termine.

Il rimborso che risulterà spettante al termine delle operazioni di controllo preventivo verrà direttamente erogato da parte dell’Agenzia delle Entrate stessa.

 

  1. Previdenza complementare

Nel corrente mese si è provveduto a:

  • completare l’adeguamento delle aliquote aziendali al 3,5% per i colleghi di provenienza ex Banche Venete – Fige – Morval, come previsto dai rispettivi Accordi del 15/11/2017 28/02/2019 e 17/04/2019;
  • applicare il primo punto dell’Accordo del 14/04/2021 riguardante il Pacchetto Giovani, riconoscendo agli aventi diritto una contribuzione aziendale pari al 6%, a decorrere da aprile 2021, o dalla data di adesione al fondo di previdenza complementare se avvenuta successivamente la data dell’accordo.

Per approfondire le questioni relative al Pacchetto Giovani potete consultare la nostra guida dedicata.

 

  1. Assegni Nucleo Familiare

Con lo stipendio di luglio 2021, prosegue il pagamento degli Assegni al Nucleo Familiare spettanti, calcolati sulla base delle informazioni inviate dall’INPS al Datore di Lavoro.

Gli adeguamenti previsti dalla Circolare INPS n.92 del 30.06.2021, per il periodo ANF luglio 2021-giugno 2022, avverranno a decorrere dalla mensilità di settembre 2021, sulla base delle informazioni che l’INPS progressivamente trasmetterà al datore di lavoro. 

Per approfondire le questioni relative agli Assegni per il Nucleo Familiare potete consultare la nostra guida dedicata.

 

Aree Professionali e Quadri Direttivi con CCNL Assicurativo

  1. Premio Aggiuntivo Variabile (PAV) e Premio Sociale 2020

Con il cedolino di luglio 2021 si è provveduto a gestire le voci relative al Premio Aggiuntivo Variabile (PAV) e Premio Sociale 2020, con la seguente modalità:

  • voce 6VU6: liquidazione delle somme relative alle richieste di rimborso spese presentate in Conto Sociale;
  • voce 2PVP: importo del PAV destinato inizialmente a Conto Sociale e per il quale successivamente è stata richiesta la destinazione a previdenza complementare;
  • voce 2PVL: importo del PAV destinato inizialmente a Conto Sociale e per il quale successivamente è stata richiesta la liquidazione in cedolino;
  • voce 2PVS: storno dell’importo inizialmente destinato al Conto Sociale, e successivamente indirizzato ad una scelta diversa.

 

  1. Liquidazione delle imposte a credito o a debito risultanti da Modello 730

Nel cedolino di luglio sono presenti gli importi a debito o credito relativi alle imposte calcolate sulla dichiarazione dei redditi modello 730/2021 come da prospetto di liquidazione 730/4.

Nel caso di liquidazione imposte con importi a debito:

  • se la retribuzione di luglio non è sufficiente per trattenere l’importo dovuto (1° rata o in unica soluzione), la parte residua sarà trattenuta dalla retribuzione erogata nel mese successivo e, in presenza di ulteriore incapienza, dalle retribuzioni dei successivi mesi del 2021 con l’applicazione dell’interesse dello 0,40% mensile, trattenuto anch’esso dalla retribuzione e versato in aggiunta alle somme cui afferisce.
  • Per i colleghi che hanno scelto di rateizzare, se l’importo a debito è originato dalla contemporanea presenza di importi a credito ed a debito, nel cedolino sono presenti le voci dei tributi in modalità tale che la somma algebrica delle voci stesse sia uguale, mese per mese, all’importo della rata. Le operazioni di liquidazione proseguiranno anche nei prossimi mesi e fino alla chiusura degli stipendi di dicembre.

Le dichiarazioni oggetto di liquidazione sono quelle presentate tramite CAF, professionisti abilitati o direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate utilizzando il modello precompilato, pervenute al Datore di Lavoro tramite l’Agenzia delle Entrate entro il 15/07/2021

Fanno eccezione le dichiarazioni:

  • con modifiche rispetto alla dichiarazione precompilata che incidono sulla determinazione del reddito o dell’imposta e che presentano elementi di incoerenza rispetto ai criteri pubblicati con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate;
  • che determinano un rimborso di importo superiore a 4.000 euro.

Per questa tipologia di dichiarazioni l’Agenzia delle Entrate può effettuare controlli preventivi, in via automatizzata o mediante verifica della documentazione giustificativa, entro quattro mesi dal termine previsto per la trasmissione della dichiarazione ovvero dalla data della trasmissione, se questa è successiva a detto termine.

Il rimborso che risulterà spettante al termine delle operazioni di controllo preventivo verrà direttamente erogato da parte dell’Agenzia delle Entrate stessa.

  1. Assegni Nucleo Familiare

Con lo stipendio di luglio 2021, proseguirà il pagamento degli Assegni al Nucleo Familiare spettanti, calcolati sulla base delle informazioni inviate dall’INPS al Datore di Lavoro.

Gli adeguamenti previsti dalla Circolare INPS n.92 del 30.06.2021, per il periodo ANF luglio 2021-giugno 2022, avverranno a decorrere dalla mensilità di settembre 2021, sulla base delle informazioni che l’INPS progressivamente trasmetterà al datore di lavoro.

Per approfondire le questioni relative agli Assegni per il Nucleo Familiare potete consultare la nostra guida dedicata.

.

3 NUOVE POSIZIONI APERTE SU JOBS@ISP

Come d’uso ve ne diamo conto, su Jobs@ISP, il mercato del lavoro INTERNO di Intesa Sanpaolo, fino al 6 agosto 2021 ci sono 3 nuove opportunità aperte. Trovate una sintesi delle ricerche in corso qui di seguito con i rimandi diretti ai dettagli di ciascuna di esse.

La Divisione IMI Corporate & Investment Banking sta cercando nuovi colleghi.

JOB FAMILY BUSINESS DI RELAZIONE

Analista per la Divisione IMI Corporate & Investment Banking
Nella Direzione Global Banking & Sovereign Institution puoi collaborare con le Strutture di Business della Direzione e ampliare la tua esperienza professionale nel mondo finanziario. Se sei una persona dinamica e in cerca di nuove sfide in ambito lavorativo e ti piace lavorare in team per raggiungere gli obiettivi comuni, scopri come entrare a far parte della Struttura Supporto Gestione Operativa Clienti. >> Vai alla posizione

Assistant Relationship Manager per la Divisione IMI Corporate & Investment Banking
All’interno della Direzione Global Corporate avresti l’occasione di monitorare la performance della clientela in portafoglio e individuare azioni correttive per il raggiungimento dei risultati. Se ti interessa approfondire la tua conoscenza del credito ordinario e le operazioni di finanza strutturata, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte del Team Network Italia della Divisione IMI CIB. >> Vai alla posizione

JOB FAMILY QUANTS

Senior Analyst per la Divisione IMI Corporate & Investment Banking
All’interno della Direzione Governo Operativo e Finanziario avrai l’occasione di conoscere le logiche di misurazione e controllo dei valori che determinano i risultati della Divisione IMI CIB. Se ti interessa specializzarti nelle attività di verifica quantitativa dei risultati delle attività di Investment Banking, Finanza Strutturata e Capital Markets e conosci i principali strumenti finanziari e contabili, scopri come entrare a far parte del Team Controller Capital Market & Investment Banking. >> Vai alla posizione

Dalla prossima settimana Jobs@ISP sarà sospeso per una pausa estiva. La regolare pubblicazione delle posizioni riprenderà giovedì 2 settembre 2021.

 

Vuoi candidarti da app mobile?

Accedi all’App #People dal tuo smartphone aziendale o Bring Your Own Device e leggi questa news direttamente da mobile. Puoi anche esplorare la sezione Jobs@ISP e cercare la posizione che ti interessa nelle Job Family di Intesa Sanpaolo.

Per utilizzare l’App #People è necessario aver attivato StrongAuth. Se non l’hai ancora fatto, dal tuo pc >> Vai a StrongAuth

Clicca qui per scoprire di più

Visita #People-Jobs@ISP

Scopri le regole di Jobs@ISP

 

 

L’azienda ha attivato una polizza gratuita per i colleghi del Gruppo in caso di reazioni avverse al vaccino Covid

Come d’uso, vi diamo conto dell’iniziativa aziendale in questione.

Il Gruppo Intesa Sanpaolo, in occasione della campagna vaccinale italiana contro il COVID-19 e in collaborazione con Intesa Sanpaolo RBM Salute, in aggiunta alle prestazioni già coperte dal Fondo Sanitario Integrativo, offre a tutti i colleghi delle società del Gruppo con sede in Italia una polizza gratuita che possa tutelarli nella remota possibilità di eventuali reazioni avverse particolarmente gravi al vaccino. Come dichiarato dalla comunità scientifica internazionale, gli effetti collaterali collegati alle dosi approvate dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) sono molto limitati e comunque tipici di qualsiasi vaccinazione.

La polizza è attiva per reazioni avverse manifestatesi dal 1° giugno 2021 (anche relative ad inoculazioni di vaccino in date antecedenti) e fino al 30 maggio 2022, assicurando pertanto, anche eventuali inoculazioni successive alla seconda somministrazione.

Sono previste indennità economiche crescenti rispetto alla gravità dell’evento:
– indennità di 25.000 euro in caso di reazione avversa alla vaccinazione manifestatesi entro 45 giorni dall’effettuazione della stessa che determini l’insorgenza di specifiche patologie tali da determinare uno stato di inabilità temporanea da lavoro superiore a 40 giorni;
– indennità fino a 100.000 euro in caso di reazione avversa alla vaccinazione manifestatesi entro 90 giorni dall’effettuazione della stessa che determini l’insorgenza di specifiche patologie tali da determinare uno stato di invalidità permanente accertato dall’INAIL.

Con Copertura Reazioni Avverse, si conferma l’impegno del Gruppo Intesa Sanpaolo nelle attività di valore sociale e di vicinanza ai colleghi per permettere loro di affrontare con maggiore tranquillità questo importante momento di prevenzione individuale e collettiva.

Ulteriori informazioni sulle condizioni della polizza sono disponibili qui.

6 NUOVE POSIZIONI APERTE SU JOBS@ISP

Come d’uso ve ne diamo conto, su Jobs@ISP, il mercato del lavoro INTERNO di Intesa Sanpaolo, fino al 30 luglio 2021 ci sono 6 nuove opportunità aperte. Trovate una sintesi delle ricerche in corso qui di seguito con i rimandi diretti ai dettagli di ciascuna di esse.

L’Area di Governo Chief IT, Digital and Innovation Officer, La Divisione IMI Corporate & Investment Banking e la Società Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking stanno cercando nuovi colleghi.

 

JOB FAMILY BUSINESS DI PRODOTTO

Junior Analyst in Investment Banking Advisory per la Divisione IMI Corporate & Investment Banking
All’interno della Direzione Corporate Finance MId-Cap puoi specializzarti nella gestione dei processi di financial modeling e analizzare il profilo finanziario dei clienti attuali e potenziali. Se hai una mente analitica, sai predisporre analisi di bilancio e ti interessa conoscere meglio il mondo dell’Investment Banking, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte della Struttura Corporate Finance ISBD della Divisione IMI Coporate & Investment Banking. >> Vai alla posizione

JOB FAMILY QUANTS

Risk Manager per la Società Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking
All’interno del Chief Risk Officer di Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking hai l’occasione di valutare il rischio dei prodotti e dei portafogli dei clienti per capire cosa ha contribuito positivamente o negativamente alla performance di un portafoglio. Se desideri sviluppare le tue competenze analitiche e ti piacerebbe interagire con i gestori di relazione e con le fabbriche prodotto, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte della Struttura Rischio Prodotti e Clientela di questa Società. >> Vai alla posizione

JOB FAMILY STAFF

Digital Business Partner -ambito HR e Contabilità e Bilancio- per l’Area di Governo Chief IT, Digital and Innovation Officer
Nella Direzione Digital Business Partner Aree di Governo potresti gestire in prima persona la trasformazione digitale in ambito HR o Contabilità e Bilancio. Se ti piace l’innovazione in tutte le sue forme, desideri poter lavorare per progetti e hai la capacità di raggiungere i risultati prefissati gestendo proattivamente le eventuali problematiche, scopri come entrare a far parte della Struttura Progetti Finance e Data Governance.  >> Vai alla posizione

Digital Business Partner – ambito Concessione del Credito e Risk Management-  per l’Area di Governo Chief IT Digital and Innovation Officer All’interno della Direzione Digital Business Partner Aree di Governo avresti l’occasione di coordinare in autonomia progetti strategici e rilevanti in ambito Concessione del Credito e Risk Management.  Se sei una persona predisposta all’innovazione, capace di indirizzare le scelte strategiche del management e di guidare il tuo team verso il cambiamento e la trasformazione digitale, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte della Struttura Progetti Risk di questa Area di Governo.  >> Vai alla posizione

Assistant per la Divisione IMI Corporate & Investment Banking 
All’interno della Direzione Internazionale puoi sviluppare le tue skills analitiche e gestire tutti gli aspetti legati alla contabilità. Se hai una laurea in ambito economico e desideri fare un’esperienza lavorativa in un ambiente dinamico, ponendoti quotidianamente degli obiettivi da raggiungere, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte della Divisione IMI Corporate & Investiment Banking. >> Vai alla posizione 

Vuoi candidarti da app mobile?

Accedi all’App #People dal tuo smartphone aziendale o Bring Your Own Device e leggi questa news direttamente da mobile. Puoi anche esplorare la sezione Jobs@ISP e cercare la posizione che ti interessa nelle Job Family di Intesa Sanpaolo.

Per utilizzare l’App #People è necessario aver attivato StrongAuth. Se non l’hai ancora fatto, dal tuo pc >> Vai a StrongAuth

Clicca qui per scoprire di più

Visita #People-Jobs@ISP

Scopri le regole di Jobs@ISP

 

 

Avvisi di pagamento: approvata la norma interpretativa proposta, ora la cancellazione degli avvisi

Avvisi di pagamento: approvata la norma interpretativa proposta, ora la cancellazione degli avvisi

Con riferimento all’iniziativa dell’Agenzia delle Entrate di procedere alla riliquidazione dell’assegno straordinario del Fondo di Solidarietà, da noi giudicata infondata e sbagliata, FABI, FIRST, FISAC, UILCA e UNISIN hanno da subito posto in atto le necessarie iniziative affinché si giungesse al ripristino di quanto definito nell’Accordo istitutivo del Fondo e dei susseguenti provvedimenti legislativi. In … Leggi tuttoAvvisi di pagamento: approvata la norma interpretativa proposta, ora la cancellazione degli avvisi

FONDO PENSIONE: APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2020

Nell’Assemblea che si è svolta attraverso mezzi di comunicazione a distanza venerdì 25 giugno u.s., le Delegate e i Delegati hanno approvato – all’unanimità – il bilancio consuntivo del Fondo relativo all’anno 2020.

L’anno trascorso è stato un anno particolarmente duro e difficile, segnato dal lockdown e da misure restrittive che hanno profondamente inciso – e talvolta modificato – le consuetudini di molti di noi, con risvolti tragici che hanno inciso severamente anche sulle attività economiche e produttive del mondo intero.

La diffusione della pandemia ha colto di sorpresa gli operatori economici e si è tradotta, a partire dal mese di febbraio dello scorso anno, in una violenta caduta delle quotazioni sui mercati finanziari.

L’eccezionalità della situazione che si è venuta a creare ha reso necessaria l’attivazione da parte delle autorità, di politiche economiche, monetarie e fiscali straordinarie, sia nelle quantità che nelle forme utilizzate.

Queste hanno progressivamente portato ad un recupero delle quotazioni che, in diversi casi, ha consentito a fine anno di recuperare integralmente le perdite accumulate in precedenza, sia pure in un contesto strutturalmente estremamente complesso.

Di fronte all’emergenza della situazione, la priorità del Fondo non poteva che essere quella di attrezzarsi adeguatamente per affrontarla, dal punto di vista amministrativo oltre che finanziario.

Mentre da febbraio Colleghe e Colleghi hanno adottato la modalità lavorativa a distanza (e così pure i Consigli e le Commissioni), il Fondo ha continuato ad operare con efficacia ed efficienza, senza che alcuna particolare criticità sia stata rilevata, benché l’anno 2020 abbia portato con sé anche importanti e onerosi impegni derivanti dall’implementazione delle normative europee.

Il Fondo ha chiuso il bilancio del 2020 con un patrimonio di oltre 7 miliardi di Euro (7.117 milioni contro 6.869 milioni di fine 2019). La crescita è il risultato dei rendimenti realizzati (151 milioni) e della differenza positiva tra entrate e trasferimenti in uscita 97 milioni.

Le iscritte e gli iscritti al Fondo sono ormai più di 75.000 (75.087 contro i 74.994 dello scorso anno) pur con un’ampia mobilità in entrata (1.331 nuovi aderenti) e in uscita (1,238 cessazioni).

Il Fondo si conferma così tra le più importanti realtà di gestione del risparmio previdenziale collettivo a livello nazionale e al primo posto tra i fondi di matrice bancaria.

E’ inoltre proseguita l’opera di implementazione e semplificazione del sito internet, per consentire agli aderenti di consultare da remoto tutta la documentazione necessaria ed effettuare le proprie scelte in maniera informata, ampliando anche la fruibilità da parte degli iscritti: dal 3 maggio 2021, anche la richiesta di anticipazione per acquisto/ristrutturazione della prima casa e per spese sanitarie, può essere effettuata online. Per quanto concerne l’area finanza, il 2020 ha visto il Fondo coinvolto in processi di revisione strutturali e, nel contempo, fronteggiare una congiuntura di mercato già richiamata, resa estremamente complicata dallo scoppio della pandemia. Nonostante che la condizione esterna non fosse favorevole, il Consiglio di Amministrazione ha proseguito nel percorso di attenzione alla sostenibilità degli investimenti del Fondo, approfondendo e sviluppando le linee già intraprese nella precedente consigliatura.

Non solo il nuovo comparto Futuro Sostenibile ha ottenuto ottimi risultati, ma sostanzialmente tutti i comparti hanno riportato performance positive e superiori ai benchmark di riferimento. Collegandosi al sito web del fondo e selezionando dal menù “Comparti” la voce “Rendimenti annui”, oppure cliccando su questo link, è possibile recuperare i rendimenti netti dei comparti aggiornati al 30/06/2021.

Si è previsto inoltre, a partire dal 1° luglio di quest’anno, di unificare i due Comparti Bilanciati; così operando gli iscritti interessati beneficeranno delle corpose economie di scala raggiungibili con le nuove importanti masse attribuite al nuovo comparto e si troveranno, allo stesso tempo, sulla frontiera più efficiente per l’orizzonte temporale di medio/lungo periodo prescelto.

Con il mero intendimento di rendere più chiara la percezione del profilo di rischio/rendimento e mantenendone quindi le attuali caratteristiche, il Consiglio di Amministrazione del Fondo ha anche deciso di ridenominare il Comparto “Finanziario Garantito” in “Finanziario Conservativo”.

L’obiettivo del 2021 sarà quello di implementare al meglio la nuova asset allocation strategica, enfatizzando il profilo di sostenibilità negli investimenti del Fondo, strada maestra per combinare efficientemente l’ottimizzazione del rendimento con la minimizzazione del rischio, nell’ottica di medio periodo che caratterizza gli investimenti previdenziali, nell’esclusivo interesse delle iscritte e degli iscritti.

I risultati conseguiti in un anno estremamente difficile, sia dal punto di vista della difesa e dell’incremento del patrimonio che dal punto di vista organizzativo, ci confortano rispetto alla capacità del Fondo di fare fronte ai propri impegni, immediati e futuri.

qui il documento in pdf

Adesione ad ALI (circolo ricreativo) per i dipendenti ex UBI

L’accordo per l’integrazione di UBI nel Gruppo ISP del 14 aprile 2021 ha stabilito che “dal 12 aprile 2021 tutti i dipendenti ex UBI sono iscritti all’Associazione Culturale, Ricreativa e Sportiva dei Dipendenti del Gruppo Intesa Sanpaolo (ALI)” fatta salva la facoltà di revoca da esercitarsi entro il 12.10.2021.

Nel rinviare per maggiori approfondimenti al sito di ALI, nonché all’articolata Guida FISAC CGIL (visualizzabile da qui), forniamo di seguito alcune informazioni.

Per aderire alle proposte di ALI le colleghe e i colleghi ex UBI devono perfezionare l’iscrizione (estendendola eventualmente ai familiari), accedendo al sito di ALI dalla home page dell’intranet aziendale, seguendo uno dei percorsi seguenti:

  • SCELTI PER TE > ALI, quindi cliccando su Sito Internet ALI e poi su AREA SOCI (in alto a destra),

oppure

  • #People, dalla sezione Servizi alla persona e Welfare > Associazione lavoratori ISP, quindi cliccando su AREA SOCI (in alto a destra).

I successivi accessi al sito di ALI possono essere effettuati anche da computer non aziendali, previa attribuzione di una password provvisoria (di cui occorre richiedere l’invio alla casella di posta della banca).

La quota annuale di iscrizione ad ALI è di € 10.

Nel caso di iscrizione dell’intero nucleo familiare, la quota annuale complessiva è di € 15(Per effettuare l’iscrizione di un familiare è sufficiente inviare il consenso al trattamento dei dati firmato dallo stesso familiare, caricandolo all’interno della pagina del sito di ALI).

Il diritto di recesso ad ALI può essere esercitato entro il 30 settembre di ciascun anno con effetto dal 1° gennaio dell’anno successivo.

Le colleghe e i colleghi di provenienza UBI che intendessero invece rinunciare all’iscrizione già per l’anno in corso dovranno far pervenire entro il 12 ottobre all’Associazione il modulo che per comodità forniamo in allegato.

In caso di revoca/recesso è comunque possibile tornare ad iscriversi ad ALI in qualunque momento a partire dal 1° giorno dell’anno successivo il recesso stesso.

Nell’ambito delle convenzioni proposte da ALI, in relazione all’avvio del prossimo anno scolastico segnaliamo il rinnovo della convenzione con Libraccio.it che include sconti e la possibilità di un contributo di € 50 per l’acquisto di testi scolastici effettuato sull’e.commerce Libraccio.it (indispensabili l’accesso tramite ALI e una spesa minima di almeno € 100, al netto dello sconto, per ciascun figlio).

Le articolazioni di ALI

ALI presenta 5 Aree: Turismo, Servizi alle Persone, Cultura, Sport & Tempo libero, Sconti & Convenzioni & Bacheca. Inoltre si articola in Consigli territoriali (attualmente 7: Nord-Ovest, Lombardia, Nord-Est, Adriatico, Tirreno, Centro, Sud) a loro volta articolati in Gruppi e Sezioni, a cui è possibile eventualmente aderire con il pagamento di un’ulteriore quota (per i Gruppi il costo è di norma di € 12, aumentati a € 18 in caso di iscrizione dell’intero nucleo familiare). In genere l’iscrizione a un Gruppo/Sezione è requisito essenziale per accedere alle numerose iniziative promosse a livello territoriale.

È possibile revocare l’iscrizione a un Gruppo o a una Sezione entro il 31 dicembre di ciascun anno.

 

qui il documento in pdf

COVID-19. Nuove regole per la compilazione del questionario di rientro

Allo scopo di darne la massima diffusione, riprendiamo la news aziendale in oggetto

COVID-19. Nuove regole per la compilazione del questionario di rientro

Gestione in sicurezza del rientro dei colleghi in sede/ufficio dopo un’assenza di almeno 14 giorni o al rientro da un viaggio all’estero

A distanza di oltre un anno dalla sua nascita, il questionario di rientro cambia le sue logiche di compilazione. 

Nato per la gestione in sicurezza del rientro dei colleghi in sede/ufficio dopo un’assenza di almeno 14 giorni o al rientro da un viaggio all’estero, oltre che per segnalare la presenza di sintomi simil- influenzali, con il tempo ha subito alcune variazioni nei contenuti e nelle modalità di utilizzo.

Alla luce dell’attuale quadro epidemiologico e in considerazione delle novità normative nel frattempo intervenute, peraltro, in continuo mutamento, il questionario di rientro subisce ora un’ulteriore modifica nei criteri di compilazione, prendendo il valore di una autodichiarazione.

In sostanza, il questionario deve essere compilato nel momento in cui si è idonei a rientrare in ufficio, avendo rispettato tutte le regole previste relativamente a eventuali quarantene o esecuzione di tamponi di controllo.

Soprattutto per quanto riguarda l’ultima domanda relativa alla permanenza o al transito in uno stato estero, prima di compilare il questionario, è necessario accedere al sito della Farnesina Viaggiare Sicuri al link www.viaggiaresicuri.it, rispondere alle domande proposte e seguire le indicazioni del Ministero in risposta alle informazioni fornite.

Il questionario di rientro NON deve essere più utilizzato come strumento per la segnalazione di sintomi simil-influenzali, per questo è a disposizione la voce “Segnalazioni a Medicina del Lavoro” dal menù Covid-19 della piattaforma #People.

Puoi accedere al questionario quando necessario, da desktop e con VPN attiva, attraverso #People > Covid-19 > Questionario per il rientro oppure, da smartphone aziendale e Bring Your Own Device con l’App #People.

Ricorda che puoi far riferimento al tuo Responsabile per eventuali approfondimenti o per avere a disposizione la versione pdf del questionario.

Per richiedere supporto relativamente a informazioni di natura sanitaria, puoi scrivere a ufficio_coordinamento_MCT@intesasanpaolo.com.

Per altri chiarimenti sul questionario invece, puoi consultare #People > Assistenza > Assistenza HR > categoria #COVID-19.

In caso di difficoltà di accesso a #People, vai su Help4U dalla Intranet > Help Desk e apri una richiesta seguendo il percorso Assistenza > La mia scrivania > Applicazioni > Applicazioni web. Poi seleziona “#People” come prodotto della richiesta e “Accesso” come oggetto della richiesta.

 

 

7 NUOVE POSIZIONI APERTE SU JOBS@ISP

Come d’uso ve ne diamo conto, su Jobs@ISP, il mercato del lavoro INTERNO di Intesa Sanpaolo, fino al 23 luglio 2021 ci sono 7 nuove opportunità aperte. Trovate una sintesi delle ricerche in corso qui di seguito con i rimandi diretti ai dettagli di ciascuna di esse.

L’Area di Governo Chief Financial Officer, Le Divisioni IMI Corporate & Investment Banking e International Subsidiary Banks e la Società Intesa Sanpaolo Innovation Center stanno cercando nuovi colleghi.

JOB FAMILY BUSINESS DI PRODOTTO

Specialista Finanza Strutturata per la Divisione IMI Corporate & Investment Banking
All’interno della Direzione Internazionale di IMI Corporate & Investment Banking potresti partecipare a un progetto strategico della Divisione volto a rafforzare il Modello Operativo della Finanza Strutturata, attraverso lo sviluppo di “Centri di Eccellenza e Competenza”. Se hai esperienza nella gestione delle relazioni con stakeholder interni ed esterni e ti interessa il processo del credito, scopri come entrare a far parte del Desk Finanza Strutturata di questa Divisione.
>> Vai alla posizione per la sede di Londra
>> Vai alla posizione per la sede di Hong Kong

JOB FAMILY REGULATORY

Governance Processes Specialist per la Divisione International Subsidiary Banks
Nella Direzione Sistemi di Governance e Iniziative Strategiche puoi sviluppare i processi di l’implementazione del modello di Governance di Gruppo per le nostre Banche Estere. Se ti piace l’idea di essere un punto di riferimento per le funzioni di Governance, hai la capacità di gestire attività interfunzionali e vorresti sperimentare questo ruolo in un contesto internazionale, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte della Struttura dei Processi di Governance Operativa. >> Vai alla posizione

Specialista Emissioni Junior per la Divisione IMI Corporate & Investment Banking
All’interno della Direzione Legal Advisory IMI CIB puoi partecipare all’intero processo di emissione e quotazione dei prodotti della Divisione. Se hai un forte interesse verso i prodotti di investimento e gli strumenti derivati e ti definisci una persona proattiva e sempre in cerca di nuovi stimoli, anche nella sfera lavorativa, scopri come entrare a far parte della Struttura Supporto Tecnico Emissioni della Divisione. >> Vai alla posizione 

JOB FAMILY QUANTS

Addetto Active Credit Portfolio Steering per l’Area di Governo Chief Financial Officer 
Nella Direzione Centrale Active Credit Portfolio Steering avresti l’occasione di collaborare in team nelle attività di gestione attiva del rischio di credito. Se ti interessa la strutturazione di operazioni di credit risk transfer e la definizione degli indirizzi creditizi strategici e ti piace l’idea di poter individuare le leve di derisking, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte dell’Area di Governo Chief Financial Officer.  >> Vai alla posizione

Specialista Pianificazione e Progetti Strategici per la Società Intesa Sanpaolo Innovation Center
In Intesa Sanpaolo Innovation Center puoi cogliere l’opportunità di progettare l’innovazione in tutte le sue forme: dall’ideazione e realizzazione di un piano strategico fino al monitoraggio del suo impatto sul Gruppo. Se hai familiarità con la gestione di progettualità complesse e ti ispirano i temi di innovazione e sviluppo, scopri come entrare a far parte del Team Pianificazione dell’Innovazione e Governance di questa Società. >> Vai alla posizione

Senior FTP and Balance Sheet Management analyst per la Divisione International Subsidiary Banks Division
Nella Direzione Pianificazione e Controllo puoi essere il punto di riferimento all’interno della Divisione per le tematiche Tesoreria e Finanza, con un focus particolare sul rischio di tasso di interesse e sui prezzi di trasferimento dei fondi. Se ti interessa supportare le Banche della Divisione nella gestione di nuovi prodotti finanziari e sostieni sempre il lavoro di squadra, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte della Divisione International Subsidiary Banks. >> Vai alla posizione

Vuoi candidarti da app mobile?

Accedi all’App #People dal tuo smartphone aziendale o Bring Your Own Device e leggi questa news direttamente da mobile. Puoi anche esplorare la sezione Jobs@ISP e cercare la posizione che ti interessa nelle Job Family di Intesa Sanpaolo.

Per utilizzare l’App #People è necessario aver attivato StrongAuth. Se non l’hai ancora fatto, dal tuo pc >> Vai a StrongAuth

Clicca qui per scoprire di più

Visita #People-Jobs@ISP

Scopri le regole di Jobs@ISP

 

Precisazioni sulle Borse di Studio per i Colleghi ex UBI

L’accordo per l’integrazione di UBI nel Gruppo ISP del 14 aprile 2021 ha stabilito per il personale di provenienza UBI che continuino ad essere applicate, in via transitoria, le previsioni derivanti dalla contrattazione di UBI per alcune materie, tra cui le borse di studio a favore dei figli. Tale materia è inclusa tra quelle che dovranno essere affrontate nell’ambito del confronto per la piena armonizzazione contrattuale che si svilupperà nei prossimi mesi.

Sul tema borse di studio segnaliamo la pubblicazione tra le News aziendali delle istruzioni per l’inoltro della richiesta per i figli studenti che abbiano conseguito la promozione per l’anno scolastico 2020-2021; in particolare le colleghe e i colleghi di provenienza UBI dovranno inviare il modello reperibile in #People (che per comodità vi forniamo anche in allegato) alla casella DipExUBI_Borsestudiofigli@intesasanpaolo.com.

Il modello si riferisce a scuole primarie e secondarie di 1° e 2° grado. Per gli studenti universitari ci riserviamo di fornirvi successivamente ulteriori informazioni.

Nel documento in pdf una tabella che sintetizza i trattamenti previsti per il personale ex UBI

.

FINO AL 30 SETTEMBRE LE RICHIESTE BORSE DI STUDIO PER I FIGLI, ANNO SCOLASTICO 2020/2021 SCUOLA MEDIA INFERIORE E SUPERIORE

Fino al 30 settembre i colleghi potranno inserire in #People > Servizi Amministrativi > Richieste Amministrative > Borse di studio figli, le richieste relative alle classi della scuola media inferiore e superiore frequentate e superate nell’anno scolastico 2020/2021.

I colleghi lungo assenti dal servizio possono presentare la domanda trasmettendo il modulo allegato al Regolamento alla casella e-mail dc_ap_serv_amm_pers.71029@intesasanpaolo.com

Nella sezione Servizi Amministrativi > Richieste amministrative è disponibile l’elenco delle domande inviate: accedendo alla singola richiesta si potranno visualizzare i contenuti e monitorare lo stato di avanzamento della pratica attraverso una Timeline.

È importante ricordare che:
– la richiesta deve essere relativa alla classe frequentata e superata nell’anno scolastico 2020/2021 e non a quella che verrà frequentata a partire da settembre 2021.
– saranno prese in considerazione solo le richieste che si troveranno nello stato “INVIATA” entro il 30 settembre 2021.

E’ possibile consultare la Normativa di riferimento nella sezione #People > Servizi Amministrativi > Richieste Amministrative > Borse di studio figli.
Per chiarimenti o richieste di supporto è inoltre possibile effettuare una richiesta in #People > Assistenza, scegliendo la categoria “Borse di studio figli“.

Si raccomanda di verificare periodicamente lo stato della propria richiesta in #People > Servizi Amministrativi:
– stato “INVIATA”: la richiesta è stata regolarmente acquisita dalla procedura;
– stato “IN VERIFICA”: l’ufficio Servizi Amministrativi del Personale sta eseguendo i consueti controlli di congruità;
– stato “SOSPESA”: perché la pratica possa proseguire il suo iter è necessario seguire le istruzioni comunicate con apposita e-mail e che sono visibili nella procedura cliccando sulla richiesta; nel riquadro DESCRIZIONE CASO si troverà Stato Pratica: SOSPESA > Note per il dipendente;
– stato “COMPLETATA”: la richiesta è stata approvata.

Colleghi di provenienza ex Gruppo UBI Banca

L’accordo per l’integrazione del Gruppo UBI nel Gruppo Intesa Sanpaolo del 14 aprile 2021 sottoscritto tra Intesa Sanpaolo e le Delegazioni Sindacali di Gruppo ha stabilito per il personale di provenienza dell’ex Gruppo UBI la conservazione, in via transitoria, dei trattamenti normativi previgenti in materia di borse di studio a favore dei figli.

Da oggi i colleghi possono inviare le richieste, a seguito di promozione scolastica relativa a scuola primaria, scuola media inferiore e superiore, utilizzando il modello reperibile in #People > Assistenza > Categoria = Borse di studio Figli > Dettaglio = Colleghi provenienti dall’ex gruppo UBI Banca > Descrizione = Come posso inviare la mia richiesta di borsa di studio figli?

Il modulo compilato non dovrà più essere inviato per posta in forma cartacea, ma solo come allegato e-mail alla casella DipExUBI_Borsestudiofigli@intesasanpaolo.com

Per chiarimenti o richieste di supporto è possibile accedere a #People > Assistenza, scegliendo la categoria “Borse di studio figli”.

Per approfondire le questioni degli Assegni di Studio potete consultate la nostra Guida ASSEGNI DI STUDIO PER I FIGLI DEI DIPENDENTI e comunque i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti) sono a vostra disposizione per ogni chiarimento.

 

 

AGGIORNAMENTO GUIDA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Il nostro Esperto Giampiero Reccagni ha aggiornato la Guida alla Previdenza Complementare, in base a quanto pubblicato su nostro sito il 24 maggio a seguito l’emanazione del Circolare 2/2021 del Fondo.

Come sempre le parti variate sono evidenziate in giallo in questo modo e Giampiero è a vostra disposizione per chiarimenti e consulenze.

Vi ricordiamo che potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovi tutti i loro riferimenti).

 

 

NUOVISSIMA GUIDA PACCHETTO GIOVANI

Il nostro esperto Edoardo Ciranni ha redatto la Nuovissima Guida Pacchetto Giovani.

A seguito dell’Accordo integrazione Gruppo UBI del 14 aprile, il Pacchetto giovani, è per noi uno dei punti qualificanti dell’accordo, perché rappresenta un riconoscimento per i giovani e conseguentemente per i redditi bassi, esteso, grazie alla nostra determinazione, anche ai contratti misti e a coloro che sono stati assunti antecedentemente al 29 settembre 2020 (platee che l’azienda, pur dichiarando di voler accogliere la richiesta di parte sindacale, inizialmente non intendeva ricomprendere).

La norma trae spunto da una previsione UBI (con particolare riferimento a Incremento Previdenza Complementare, Bonus acquisto prima casa, Bonus nascita figli) e verrà applicata nella sua nuova formulazione anche nei confronti del personale ex UBI che ne beneficiava in precedenza.

Vi ricordiamo che potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovi tutti i loro riferimenti).

 

 

Attenzione: sospensione temporanea di alcune funzionalità di gestione di iscrizione al FSI

L’Anagrafe Unica Welfare si avvicina: per consentire il completamento dei lavori verrà attivato un blocco temporaneo di alcune procedure di #People e iscrizione familiari a FSI.

Sta arrivando a conclusione il progetto Anagrafe Unica Welfare, con il quale i colleghi, avranno la possibilità di gestire, su un unico punto d’accesso, i dati anagrafici propri e dei propri familiari per i vari servizi di Welfare. L’iniziativa, come noto, coinvolgerà subito il Fondo Sanitario e, successivamente, includerà anche ALI e i Fondi Pensione. Per maggiori informazioni clicca qui per consultare la news Intranet del 10 marzo 2021.

Per permettere l’implementazione dell’ultima fase, a partire dal 7 luglio, per circa tre settimane non sarà possibile l’accesso da #People ai seguenti processi:
– gestione nucleo familiare;
– variazione stato civile.

Nel periodo nel quale non sarà possibile l’accesso, in caso di urgenze legate alle modifiche anagrafiche non differibili è possibile inviare una richiesta di assistenza al percorso #People >Assistenza > Assistenza HR > Gestione Nucleo Familiare o al percorso Assistenza > Assistenza HR > Variazione stato civile.

Parallelamente e per il medesimo periodo, sul portale del Fondo Sanitario non sarà possibile effettuare l’iscrizione di nuovi familiari, mentre resteranno disponibili le altre funzionalità (variazione carico fiscale, richieste di esclusione, ecc.) che anche dopo l’integrazione con Anagrafe Unica Welfare continueranno ad essere gestite direttamente sulle procedure del Fondo. Anche le pratiche già inserite a causa dell’intervento informatico previsto non potranno essere lavorate.

In caso di urgenze legate alla necessità di prestazioni dirette non differibili, sono a disposizione:

– nel portale #People >Assistenza > Assistenza HR: selezionare la categoria “Fondo Sanitario Integrativo – FSI: TRANSITORIO“;
– per dipendenti lungo-assenti: scrivere all’indirizzo di posta elettronica: anagrafe@fondosanitariogruppointesasanpaolo.it specificando nell’oggetto della mail “iscrizione familiare urgente”.

Nel pieno rispetto delle normative in materia di protezione dei dati personali, i dati di natura non anagrafica resteranno separati e non saranno integrati su #People.

Per approfondire tutte le questioni relative al Fondo Sanitario Integrativo, vi ricordiamo che potete consultare la nostra guida al Guida al FONDO SANITARIO INTEGRATIVO.

.

.

AGGIORNAMENTO GUIDA NEOASSUNTI

Il nostro esperto Edoardo Ciranni ha aggiornato la Guida NEOASSUNTI, l’aggiornamento riguarda le novità previste dall’Accordo integrazione Gruppo UBI del 14 aprile è stato introdotto un riconoscimento per i giovani e conseguentemente per i redditi bassi, esteso, grazie alla nostra determinazione, anche ai contratti misti e a coloro che sono stati assunti antecedentemente al 29 settembre 2020.

La norma trae spunto da una previsione UBI e verrà applicata nella sua nuova formulazione anche nei confronti del personale ex UBI che ne beneficiava in precedenza.

Come sempre le parti variate sono evidenziate in giallo in questo modo e Edoardo è a vostra disposizione per chiarimenti e consulenze.

Vi ricordiamo che potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovi tutti i loro riferimenti).

 

NEXT WAY OF WORKING: TANTE PERPLESSITÀ

Si è tenuto oggi l’incontro di aggiornamento sul Progetto Next Way of Working, facendo seguito a quanto rappresentato nel febbraio scorso.

Il progetto dell’Azienda, che parte dalla Governance, prevede la riduzione delle postazioni di lavoro individuali a favore di postazioni utilizzabili a rotazione e spazi comuni e si accompagna a investimenti in tecnologia per la condivisione della documentazione e degli altri strumenti informatici a supporto dell’attività lavorativa. E’ conseguentemente necessaria la prenotazione della postazione.

L’Azienda ha rappresentato degli interventi “Pilota” su 6 aree con nuovi layout che coinvolgono 2000 persone.

Sono interessati gli immobili di Milano Piazza Ferrari, Viale Stelvio e Via Mercato, di Mestre, di Roma Douhet e dei piani 22, 23 e 24 del grattacielo di Torino.

Inoltre l’integrazione del personale ex UBI delle Strutture Centrali di Milano viene effettuata liberando 7 edifici di Milano ex UBI entro novembre, facendo convergere i colleghi su una serie di palazzi in Milano, Sesto San Giovanni e Assago. Su buona parte degli edifici sono previsti interventi immobiliari “Light”.

Rispetto al progetto presentato nutriamo forti perplessità:

  • Modifica radicalmente l’Organizzazione del lavoro
  • Sposta la centralità dell’attività lavorativa dalla prestazione agli obiettivi, caricando di eccessive responsabilità i colleghi.
  • Rischia di comportare uno sbilanciamento eccessivo verso lo smart working a fronte della scarsità di postazioni, è pertanto necessario monitorare attentamente la programmazione e la pianificazione.
  • Comporta rischi sul confine tra tempi di lavoro e tempi di vita.
  • Nella Rete si sta traducendo in una mera riduzione di postazioni, con conseguente affollamento delle Filiali, che andrà monitorata per verificare che lo smart working venga concesso ai colleghi che lo richiedono.

 

Come OO.SS. riteniamo fondamentale che l’Azienda si renda disponibile a un reale confronto su un progetto che potrebbe cambiare in modo incontrollato le condizioni di vita e di lavoro dei colleghi.

Conseguentemente sarà importante l’analisi condivisa di quanto avviene nel progetto pilota.

Milano,1 luglio 2021

Delegazioni Trattanti Gruppo Intesa Sanpaolo
FABI – FIRST/CISL FISAC/CGIL – UILCA – UNISIN

 

INCONTRO FILIALE ON LINE: MOLTE CRITICITÀ

Si è tenuto oggi l’incontro di aggiornamento sulla Filiale on Line con Cristina Motta, Responsabile della Direzione Controlli, Reclami, Monitoraggio Costi e Investimenti, nell’ambito della quale è inserita la Filiale on Line.
L’Organico attuale della FOL è composto da 2042 colleghi, dei quali 1925 nella Filiale, 79 in Control Room e 38 in Sales Support. Sono presenti 152 distaccamenti con 164 colleghi.
La FOL occupa complessivamente 19 Direttori, 131 Coordinatori e 1774 Gestori.
Nel corso del 2020 ha gestito un totale di 13 Mln di richieste, di cui 9.5 mln di chiamate.
L’Azienda ha dichiarato un buon livello di soddisfazione della Clientela, in progressivo miglioramento. Nel 2020-2021, sia a causa della pandemia che dell’integrazione con UBI, i volumi sono fortemente aumentati con un incremento del 40% nel 2020 sul 2019 e un’ulteriore crescita stimata del 26% del 2021 sul 2020.

Come OO.SS. abbiamo peraltro evidenziato numerose criticità:

  • Le nuove sale ex UBI attraversano tuttora una fase di difficoltà e necessitano di un maggior supporto ai fini dell’integrazione.
  • Il nuovo modello organizzativo, basato su sale e distaccamenti, sta comportando una concentrazione di turni estremi sulle sale.
  • Le postazioni di lavoro nei distaccamenti sono state allestite frettolosamente, all’interno di spazi con problemi di privacy sia acustica che visiva. Spesso sono collocate in locali promiscui, dove è difficile anche comunicare con il cliente.
  • La nuova procedura di cambio turni non risulta ancora ben tarata e molte richieste rimangono insoddisfatte.
  • Il “Portale k”, seppure molto utile, continua ad essere gestito in modo artigianale, mentre le dimensioni della FOL richiederebbero uno strumento più strutturato.
  • Continua ad essere estremamente difficile l’accoglimento delle richieste di uscita dalla FOL. Tutto questo è in contrasto con il dichiarato obiettivo di scambio e integrazione tra Rete e FOL. L’Azienda tende a subordinare l’uscita alle richieste di ingresso o alle assunzioni che, come OO.SS., continuiamo a chiedere a gran voce da tempo.
  • I colleghi provenienti da ISP Casa chiedono il rientro a tempo pieno, peraltro raccomandato nell’accordo di ingresso, che consentirebbe anche il rientro nella normale turnazione.
  • E’ stato evidenziato che dalle sale arriva la segnalazione di un diffuso ricorso allo straordinario oltre le 22.
  • I colleghi vivono con preoccupazione la disposizione aziendale di giustificare la sospensione di attività telefonica con la clientela con specifiche causali che vengono percepite come una forma di indebito controllo. L’Azienda ha dichiarato che i dati sono raccolti su base settimanale, per team e non individuale, sono a disposizione solo della Control Room che li utilizza a fini statistici e organizzativi, non sono accessibili ai Responsabili e non possono essere utilizzati ai sensi della normativa sul controllo a distanza.
  • I lavoratori devono essere informati in modo esplicito e chiaro che il servizio con videochiamate è subordinato all’adesione volontaria. Come OO.SS. sottolineiamo che tale consenso deve essere attentamente valutato in tutte le sue possibili conseguenze, abbiamo inoltre sollecitato la Banca a tutelare la privacy dei colleghi che aderiscono con tutti gli accorgimenti tecnologici necessari.
  • Non rileviamo ancora un progetto organico e definito di crescita della FOL e dei distaccamenti, nonostante la Banca abbia previsto un ulteriore significativo incremento dell’attività.
  • All’avvicinarsi della fine della pandemia riteniamo importante mettere in campo strumenti di conciliazione vita lavoro, soprattutto in relazione ai turni estremi.

Nell’incontro odierno l’Azienda ha dato risposte che non riteniamo pienamente soddisfacenti rispetto alle molte questioni poste, riteniamo invece che una struttura dinamica ed importante come la FOL debba tenere in grande considerazione le istanze dei lavoratori al fine di migliorarne la qualità della vita e, di conseguenza, il servizio alla clientela.

Milano,1 luglio 2021

Delegazioni Trattanti Gruppo Intesa Sanpaolo
FABI – FIRST/CISL FISAC/CGIL – UILCA UNISIN

4 NUOVE POSIZIONI APERTE SU JOBS@ISP

Come d’uso ve ne diamo conto, su Jobs@ISP, il mercato del lavoro INTERNO di Intesa Sanpaolo, fino al 16 luglio 2021 ci sono 4 nuove opportunità aperte. Trovate una sintesi delle ricerche in corso qui di seguito con i rimandi diretti ai dettagli di ciascuna di esse.

Le Divisioni IMI Corporate & Investment Banking e International Subsidiay Banks e la Società Intesa Sanpaolo Private Banking stanno cercando nuovi colleghi.

JOB FAMILY BUSINESS DI PRODOTTO

Clearing Specialist per la Divisione IMI Corporate & Investment Banking 
All’interno della Direzione Governo Operativo e Finanziario avresti l’occasione di conoscere tutte le tematiche legate alle gestione e all’evoluzione dei derivati, in particolare OTC. Se ti interessa approfondire le attività di gestione dei rischi e della modellistica dei margini di garanzia e ti piace l’idea di conoscere le modalità di regolamento e la gestione del workflow, scopri come entrare a far parte del Team Controlli e Operational Risk.  >> Vai alla posizione

JOB FAMILY QUANTS

Digital Credit Analyst per la Divisione International Subsidiary Banks
Nella Direzione Commerciale Retail & Wealth Management di questa Divisione avresti l’opportunità di acquisire competenze specialistiche nel mondo commerciale e conoscere l’intero processo di erogazione del credito. Se hai una spiccata attitudine per le ricerche di mercato, sai riconoscere le nuove tendenze nei servizi bancari e sei abile nel conciliare i diversi punti di vista dei tuoi collaboratori, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte della Divisione International Subsidiary Banks.  >> Vai alla posizione

JOB FAMILY STAFF

Specialista Monitoraggio e Sviluppo Servizio per la Società Intesa Sanpaolo Private Banking
In Intesa Sanpaolo Private Banking puoi approfondire il tuo interesse verso le tematiche di Wealth Management sviluppando le campagne commerciali sulla rete dei Private Banker. Se ti affascina il mondo della formazione, ti piace l’idea di gestire i corsi info-formativi sul modello di gestione finanziaria e patrimoniale del Gruppo e hai esperienza nella gestione dei progetti, scopri come entrare a far parte della Struttura Wealth Management della Società. . >> Vai alla posizione

Operatore di Front Office, Intesa Sanpaolo Private Banking 
All’interno della Struttura Finanza e Tesoreria puoi supportare le reti commerciali nell’eseguire ordini particolari. Se sai utilizzare le principali piattaforme operative finanziarie e ti interessa conoscere più a fondo i mercati finanziari, potresti essere la persona giusta per entrare a far parte della Società Intesa Sanpaolo Private Banking. >> Vai alla posizione

Vuoi candidarti da app mobile?

Accedi all’App #People dal tuo smartphone aziendale o Bring Your Own Device e leggi questa news direttamente da mobile. Puoi anche esplorare la sezione Jobs@ISP e cercare la posizione che ti interessa nelle Job Family di Intesa Sanpaolo.

Per utilizzare l’App #People è necessario aver attivato StrongAuth. Se non l’hai ancora fatto, dal tuo pc >> Vai a StrongAuth

Clicca qui per scoprire di più

Visita #People-Jobs@ISP

Scopri le regole di Jobs@ISP

 

UpPER continua con i feedback relativi agli indicatori

L’azienda ha comunicato che i Responsabili possono condividerli con i Collaboratori

Allo scopo di darne la massima diffusione, come d’uso vi riportiamo la relativa news aziendale.

Con UpPER dare feedback è semplice: per ciascun aggettivo collegato agli indicatori di cui ve ne avevamo dato conto qui i responsabili possono infatti assegnare una valutazione da 1 a 7 e aggiungere un commento.
Si tratta di un importante momento di valorizzazione. Uno spazio di confronto che aiuta ogni persona del Gruppo a essere pienamente coinvolta e consapevole del proprio valore professionale.
Accedi ad UpPER dal menù di #People > Formazione e Sviluppo > Performance Management.
I feedback sono disponibili anche da mobile, accedendo all’App Feedback dal proprio smartphone aziendale o Bring Your Own Device.

Per approfondire le questioni legate alla Valutazione, potete consultare la nostra Guida alla Valutazione del Personale. Vi ricordiamo che potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti).

 

 

ACCORDO SU CESSIONE DI RAMO D’AZIENDA A NEXI PAYMENTS

Abbiamo sottoscritto oggi l’accordo per la cessione a Nexi del ramo d’azienda costituito da tre lavoratori ex UBI addetti all’attività di Acquiring.

Le intese, analoghe a quelle sottoscritte il 22 maggio 2020 per i lavoratori ISP inseriti nel medesimo ramo,  mantengono tutti gli elementi contrattuali ed economici in capo a lavoratrici e lavoratori. Inoltre viene confermata anche in questo caso  la clausola di salvaguardia occupazionale a 7 anni.

In considerazione della specifica situazione di questi colleghi, è stata  inserita una previsione di riconoscimento economico  in caso di mobilità superiore a 100 km A/R.

ACCORDO CESSIONE DI RAMO D’AZIENDA A NEXI PAYMENTS

 

FSI-APPROVATO IL BILANCIO 2020, COSTITUITO UN “ACCANTONAMENTO STRAORDINARIO COVID19”

L’Assemblea dei Delegati del Fondo Sanitario Integrativo, riunita in data odierna, ha approvato il bilancio relativo al 2020.

L’emergenza sanitaria che ha imperversato fino ad oggi ha comportato in tutto il Paese una significativa riduzione del ricorso alle spese sanitarie, dovuta in parte alle difficoltà delle strutture sanitarie sovraccaricate dalla gestione della pandemia, in parte alla scelta dei cittadini di non ricorrere alle cure se non costretti da patologie acute.

L’effetto della pandemia ha avuto un impatto anche sul Fondo Sanitario determinando un forte rallentamento dell’erogazione di prestazioni. A fronte di questo andamento, i Consiglieri di Amministrazione di parte elettiva avevano richiesto, già a fine 2021, che il prevedibile avanzo di gestione non venisse destinato al Patrimonio del Fondo ma fosse utilizzato per la copertura delle prestazioni sanitarie che gli iscritti non erano stati in grado di fruire.

I dati definitivi del Bilancio hanno confermato le nostre previsioni: le due gestioni, attivi e quiescenti, per l’esercizio 2020 presentano complessivamente un avanzo di 16,7 milioni di euro, con un aumento di circa 9,5 milioni di euro rispetto all’avanzo di 7,2 milioni registrato nel 2019. Il risultato operativo registra un miglioramento di 15 milioni di euro rispetto al 2019, in conseguenza alla diminuzione delle spese.

A fronte di questo risultato di gestione il Consiglio di Amministrazione ha disposto la creazione di un accantonamento straordinario, definito “accantonamento straordinario Covid19”, da utilizzarsi a fronte del prevedibile recupero di prestazioni sanitarie che si potrà registrare nel corso del biennio 2021 – 2022. L’ importo è stato stimato valutando le possibilità di recupero sulle principali prestazioni (ricoveri, diagnostica, visite specialistiche, terapie, cure dentarie, protesi e mezzi correttivi oculistici) separatamente per le due gestioni. La somma complessiva accantonata risulta di 15,4 milioni, di cui 8,2 milioni per la gestione attivi e 7,2 milioni per la gestione quiescenti.

L’emergenza sanitaria causata dal Covid19 ha rafforzato a tutti i livelli la consapevolezza della centralità della salute e della sua natura di bene pubblico, che vanno preservati attraverso il rafforzamento e la modernizzazione del servizio sanitario pubblico.

Come FISAC CGIL crediamo da sempre che anche il Fondo Sanitario possa svolgere un ruolo molto importante, attraverso la sua natura di Ente integrativo alla sanità pubblica.

Con l’accordo di armonizzazione   del 14 aprile abbiamo sancito che entro il 31 ottobre verranno definite le modalità per far confluire nel Fondo Sanitario le colleghe ed i colleghi ex UBI. Nel corso di quel confronto ricercheremo tutti gli interventi necessari per continuare a garantire nel tempo gli elementi fondanti del Fondo Sanitario: mutualità, solidarietà e sostenibilità.

“Assoggettamento” delle ferie non fruite

L’azienda ha diramato oggi un promemoria sulle regole fruizione ferie e sulla questione “assoggettamento previdenziale” relativo alle ferie non fruite entro i 18 mesi dalla maturazione, ovvero entro fine giugno dell’anno successivo a quello di maturazione. Tale imposizione sarà “restituita” al momento della fruizione.  Vi ricordiamo che per approfondimenti potete consultare la nostra Guida a Ferie, Ex Festività e PCR e potete contattare anche i nostri sindacalisti sul territorio (qui trovate tutti i loro riferimenti).

Promemoria per il corretto inserimento dei giustificativi

Le “Regole in materia di orario di lavoro, ferie e permessi” stabiliscono che le ferie (compresi gli eventuali residui degli anni precedenti) e i permessi ex festività devono essere fruiti da tutti i colleghi del Gruppo nel corso del 2021.

Occorre prestare particolare attenzione alle ferie non fruite nei termini di legge, ovvero entro i 18 mesi dalla fine dell’anno di maturazione, che per l’anno in corso sono quelle maturate nel 2019 e che non saranno usufruite entro il 30 giugno 2021. In base alle vigenti disposizioni INPS, infatti, con il cedolino paga del mese di luglio 2021 le ferie di competenza dell’anno 2019 non ancora fruite saranno assoggettate per l’importo del loro valore a contribuzione previdenziale (anche per la quota a carico del lavoratore), fermo restando che il  valore della contribuzione pagata sarà restituito a successiva fruizione avvenuta.

Tutti i colleghi sono invitati a giustificare le assenze fruite o da fruire a titolo di ferie sino alla data del 30 giugno 2021 e non ancora correttamente imputate nel sistema informativo del personale.

 

 

COVID-19. Disposizioni per situazioni di fragilità e disabilità: proroga al 31 luglio

Come vi avevamo anticipato qui, l’azienda ha comunicato oggi che, con riferimento alla disposizione pubblicata lo scorso 22 aprile, per coloro che si trovano in situazione di fragilità o disabilità grave (propria o di familiare) per i quali era previsto il termine del 30/6/2021, il termine predetto è posticipato fino al 31/7/2021 (attuale data di fine stato emergenza), salvo diversa nuova disposizione normativa.

.

Mascherine trasparenti per le disabilità uditive

Nel mese di maggio è stata fatta una distribuzione mirata di mascherine trasparenti destinata ai colleghi che si interfacciano con persone con disabilità uditiva, per facilitare la comunicazione attraverso la lettura del labiale. 

Si tratta di una delle numerose iniziative di inSUPERabili, il gruppo interfunzionale di Disability Management, coordinato da Welfare, cui è stato affidato il compito di ideare iniziative dirette a favorire l’inserimento nel contesto lavorativo delle persone con disabilità o malattie croniche, in un continuo dialogo con le Organizzazioni Sindacali di Gruppo nell’ambito del Comitato Welfare, Sicurezza e Sviluppo Sostenibile. 

La scelta di questo specifico ausilio, riconosciuto come Dispositivo Medico, è frutto di confronti con associazioni esterne, raffronti medici e test che hanno coinvolto alcuni colleghi. 

La mascherina può da oggi essere ordinata a catalogo, anche da quelle filiali che contano tra i propri clienti persone sorde. Il collega di Rete che avrà l’accortezza di indossarla, favorirà in tal modo la comunicazione con la clientela. 

Sono inoltre allo studio soluzioni di maggiore praticità, legate all’utilizzo di APP e device mobili, che permetteranno di migliore ulteriormente l’inserimento nei team lavorativi di chi ha una disabilità uditiva e la gestione della clientela sorda. 

Le mascherine, come qualsiasi altro articolo legato all’emergenza Covid 19, potranno essere ordinate, da chi ne ha l’abilitazione, dalla Intranet > Intranet Store > eCatalog > Materiali di consumo > Emergenza covid19.

.

X