image_pdfimage_print

Lo stato di obiettiva difficoltà generato da una crisi che sembra non avere mai fine, viene sempre più spesso utilizzato dall’Azienda per inasprire ed intensificare la pressione commerciale, incorporando ad essa il ricatto occupazionale. L’Azienda deve immediatamente porre fine alle minacce, impedire le classifiche individuali comparative e mettere al bando la compilazione dei report giornalieri. L’unico strumento di rilevazione dei contatti e dell’attività commerciale è il portale ABC e non sono ammessi né autorizzati ulteriori strumenti di rilevazione.

CLICCA QUI PER IL COMUNICATO: PRESSIONE E INTIMIDAZIONE

 

FISAC CGIL C.R.VENETO
La Segreteria di Coordinamento
X