image_pdfimage_print

Dopo la sottoscrizione del Verbale di Accordo del 31 Luglio, che conferma le uscite volontarie di 5024 dipendenti, rimane molto alto il livello dello scontro tra le parti sociali all’interno del Gruppo Intesa Sanpaolo. Da un lato l’azienda aumenta e inasprisce i toni della comunicazione interna sull’attività commerciale, dall’altro strumentalizza il deterioramento del quadro economico per operare il più classico ricatto occupazionale: mantenere i posti di lavoro oppure i diritti contrattuali. Il clima interno è così avvelenato che, in assenza di una svolta nella comunicazione, sembra assai arduo rilanciare l’attività commerciale della rete.

Le OO.SS. continueranno a denunciare i comportamenti aziendali lesivi della dignità personale.

 

CLICK QUI PER IL COMUNICATO: ANCORA MINACCE E RICATTI

X