image_pdfimage_print

 

Constatiamo che la situazione è ormai fuori controllo, è completamente assente una gestione corrente dei processi legati dell’emergenza.

Il tempo dell’attesa è finito. E’ giunto il momento che ai lavoratori siano date risposte atte a misurare il grado di affidabilità del primo Gruppo italiano.

L’Azienda deve trovare il coraggio di affrontare la paura che ormai dilaga tra i lavoratori che non si sentono più al sicuro.

L’Azienda deve assumersi la responsabilità delle innumerevoli chiusure delle Filiali che dimostrano l’inefficacia delle misure poste in atto.

I lavoratori hanno il diritto di sapere una volta per tutte perché l’Azienda non decide di mettere in atto tutte le misure che possono aumentare il grado di sicurezza nei luoghi di lavoro: dal plexiglass agli steward, dalla chiusura delle casse pomeridiane alla estensione dello smart working e alla turnazione nelle filiali così come è stata strutturata durante il lock down, dalla pulizia dei PP.OO. alle pressioni commerciali.

cliccare qui per leggere il documento

X